Diploma Università

Ipad al posto dei libri

26 gennaio 2011
Commenti disabilitati

In un liceo del tenesse obbligatorio dal prossimo anno scolastico

Gli analisti lo avevano previsto: l’ipad (e le altre tavolette eletttroniche) avrebbero soppiantato i libri di testo negli zaini dei ragazzi e dall’anno prossimo questo diventerà realtà in un liceo del Tenesse dove verrà dato in leasing a 20 dollari al mese.

La Webb school di Knoxville sarà dunque la prima scuola a soppiantare i libri di carta per quelli elettronici, ovviamente , per evitare distrazioni verrà disabilitato l’accesso a twitter ed a Facebook.

Fonte Ansa.it

Computer al posto degli insegnanti

22 gennaio 2011
Commenti disabilitati

Sembra una proposta fantascentifica, ma in Florida è già realtà,

per oltre 7000 studenti della contea di Miami,  alcuni corsi didattici sono tenuti trammite  un software di e-learning con la sola presenza di un assistente con compiti  di controllo e di risolvere eventuali problemi tecnici.

I corsi on-line sono forniti dal Florida Virtual School, la scelta se aderire al programma è lasciata ai singoli istituti, non sono, ovviamente, mancate polemiche da parte dei genitori degli alunni.

Fonte: america24.com

Congresso nazionale su e-learning

25 ottobre 2010
Commenti disabilitati

Conquistare la net-generation, e rinnovare imprese e pubblica amministrazione.
Questi gli obbiettivi emersi nel congresso nazionale della società di e-learning tenutosi a Milano in questi giorni.
Il primo dato emergente è la scarsa competenza e dimestichezza degli attuali docenti relativamente alle nuove tecnologie, se comparata con quella degli studenti. Gli studenti hanno imparato a usare internet e a sfruttare i nuovi mezzi di comunicazione sociale disponibili oggi, ora è necessario che anche le università e gli istituti scolastici si aggiornino in modo che possano fornire un servizio con l’efficienza e la capacità che le attuali tecnologie già consentirebbero.
L’apprendimento cambierà in modo radicale nei prossimi anni, anche se non è ancora facile capire come, ma la sensazione certa che emerge è che gli studenti chiedono nuovi servizi e nuovi modi di apprendere, non chiedono più di essere solo ‘ascoltatori passivi’ ma di poter contribuire attivamente allo sviluppo della propria carriera scolastica, in primis, ma successivamente anche della propria carriera lavorativa.
Al momento stanno nascendo in via sperimentale molte nuove tecniche di insegnamento, tra le più disparate: corsi online con link e approfondimenti incrociati sui siti di cultura, come ad esempio la BBC, metodi di insegnamento che passano attraverso i social-network o addirittura videogiochi che trasformano l’esperienza videoludica in apprendimento. Insomma, non ci sono solo i cosiddetti ‘corsi online’, ma si auspicano delle vere e proprie rivoluzioni nelle metodologie di insegnamento.
Tutto questo ovviamente suona molto interessante, ma come ci viene ricordato in apertura di intervento da uno dei partecipanti, il lavoro di abbattimento di un ordinamento vecchio per introdurne uno nuovo è il più incerto e difficile che ci possa essere.

Fonte: La stampa

Scuola, caro-libri inevitabile, i consigli per difendersi

20 agosto 2010
Commenti disabilitati

Dai mercatini ai siti web dedicati, dal baratto agli e-book
Probabilmente è la spesa più importante che grava sulle famiglie degli studenti al rientro delle vacanze, non si tratta di tasse ma dei costi da sostenere per l’acquisto dei libri di testo.
La riforma prevede che un libro di testo possa essere cambiato solo dopo alcuni anni di esercizio, ma i prezzi dipendono comunque dalle regole di mercato.
In particolare, secondo alcuni editori, in caso di testi da ristampare, i prezzi dovranno essere adeguati al costo aggiornato delle materie prime.
Ecco alcuni suggerimenti che possono essere messi in pratica per sfuggire al caro-libri:
Prima di procedere all’acquisto, confrontate le nuove edizioni dei testi con quelle precedenti, spesso le differenze non sono tali da giustificare un acquisto della nuova edizione.
Largo ai libri usati, di solito il prezzo è scontato anche del 50% rispetto al prezzo di copertina. Per trovare i libri usati che vi servono ci sono molti siti web che mettono in comunicazione facilmente chi cerca libri usati e chi li vende.
Informatevi presso la vostra scuola o istituto se vengono promosse iniziative atte a favorire lo scambio o la compravendita dei libri tra gli studenti.
Controllate i tetti di spesa fissati dal ministero, non sempre vengono rispettati, in tal caso rivolgetevi subito al ministero o al provveditorato stesso per denunciare l’abuso.
Verificate se esiste la versione elettronica (e-book) dei libri che vi servono, spesso le versioni elettroniche sono più economiche perché non si pagano i costi di stampa. Potrete poi studiare usando il pc o stampare i soli capitoli che vi servono.
Se siete soliti studiare in gruppo potreste anche organizzarvi per acquistare solo una copia dei libri e dividere le spese. Potrete poi studiare in compagnia oppure singolarmente preparando gli esami a rotazione.
Acquistate i libri all’ingrosso. Spesso molti grandi magazzini offrono la possibilità di prenotare in anticipo i libri e usufruire di sconti del 15% o anche del 20%.

Fonte: La Repubblica.it

t>