Diploma Università

La Gelmini vuole premiare qualità ed eccellenza

12 novembre 2010
Commenti disabilitati

La Gelmini premia gli studenti italiani distintisi alle olimpiadi internazionali di matematica, informatica e scienza della terra.
Il ministro Gelmini colpisce ancora, ribadendo ancora una volta, durante il discorso in occasione della premiazione, che l’impegno dell’attuale governo, malgrado la carenza di fondi dovuta alla crisi economica, è di premiare e sostenere, anche economicamente, gli studenti migliori e meritevoli.
Secondo Gelmini lo scopo del governo, tramite le riforme, è di consentire pari opportunità di studio a tutti colori che eccellono, in modo da garantire il diritto universale allo studio, come indicato nella Costituzione italiana.
La Gelmini ha anche annunciato che il prossimo anno le olimpiadi di informatica e scienze della terra si terranno in Italia, in particolare Lombardia ed Emilia Romagna.

Fonte: La stampa

Al via l’anagrafe degli studenti

17 agosto 2010
Commenti disabilitati

La Gelmini chiede agli istituti dati sensibili e scolastici sugli studenti
Dopo 5 anni finalmente parte il progetto che finalizza la realizzazione di un’anagrafe degli studenti.
Attraverso il decreto ministeriale firmato dalla Gelmini, tutte le scuole italiane, partendo dalla primaria, dovranno comunicare i dati “sensibili” e quelli relativi al percorso scolastico e formativo, compreso l’apprendistato, di oltre 6 milioni di alunni e studenti.
Le informazioni richieste sono di vario tipo: dai dati anagrafici, compreso il codice fiscale, alla frequenza, al percorso scolastico, agli spostamenti tra gli istituti, agli esiti di fine anno, ecc.
L’anagrafe degli studenti è nata con lo scopo di favorire il diritto-dovere all’istruzione, e per vigilare sull’assolvimento di tale obbligo, e ha trovato compimento dopo l’autorizzazione del Garante della Privacy.
I dati raccolti verranno utilizzati in forma anonima con il preciso scopo di monitorare l’evasione dall’obbligo scolastico ed altri fenomeni relativi alla cosiddetta dispersione scolastica.

Fonte: La Stampa