Diploma Università

Concorso per le università: I media del domani

19 gennaio 2010
Commenti disabilitati

Per prendere parte è sufficiente registrarsi online e caricare i contenuti entro il 14 marzo

ROMA – E’ partito «I media del domani. Siamo tutti reporter», il primo di 3 contest di Ustation Challenge, un’iniziativa promossa da Ustation.it, il portale dei media universitari, con la collaborazione di Tim.

Ustation.it è il portale dei media universitari che si propone di aggregare e valorizzare i contenuti audio e video realizzati dagli studenti all’interno di radio e tv di università, laboratori multimediali, circuiti di comunicazione e incubatori di creatività, e di sostenerne lo sviluppo.

Ustation Challenge è una sfida aperta agli studenti universitari ed ai loro insegnanti, per far conoscere la propria visione della società attuale e del futuro in un mondo in continua evoluzione. In «I media del domani. Siamo tutti reporter» possono partecipare singoli studenti e team composti al massimo da 3 persone. Possono prender parte anche chi ha conseguito la laurea da non più di un anno.

Per i vincitori di entrambe le categorie ci sono in palio dei MacBook.

Per partecipare basterà registrarsi su www.ustation.it, accettare il regolamento del concorso e caricare il file scegliendo la categoria «Contest – I media del domani». L’ultimo giorno disponibile per poter partecipare è il 14 marzo. La graduatoria, che determinerà i vincitori, si formerà tramite il voto on line degli utenti e la valutazione di una giuria tecnica.

A metà marzo ed a metà di giugno partiranno il secondo e il terzo contest di Ustation Challenge che riguarderanno altri temi sui quali, nel mondo giovanile e universitario, si riscontra una sensibilità diffusa. L’iniziativa si propone di saggiare il talento, l’originalità e la capacità di proiettarsi in maniera innovativa da parte dei partecipanti.

Oltre ai contest, il progetto Ustation Challenge prevede 6 appuntamenti, gli Ustation days, che si svolgeranno nelle maggiori università italiane, al fine di discutere del rapporto tra comunicazione e tecnologie e riflettere su come i nuovi media e le strumentazioni digitali offrano spazi espressivi e nuove occasioni professionali ai giovani.

Fonte: lastampa.it