Diploma Università

Solo alle migliori università andranno fondi

22 ottobre 2009
Commenti disabilitati

Approvata definitivamente la riforma dell’università.

ROMA – Riduzione dei fondi e limitazione delle assunzioni per le università meno produttive, selezioni mirate di nuovi docenti e ricercatori, blocco della carriera e riduzione stipendio per chi non produrrà pubblicazioni scientifiche, assunzioni fatte in modo diretto dei professori super-esperti, mandato che non supera gli 8 anni per i rettori.

Queste sono le maggiori novità contenute nella riforma dell’università approvata definitivamente da Silvio Berlusconi.

Concretamente verranno introdotte dallo Stato alcune restrizioni e incentivi che saranno applicate ai 38 atenei italiani a seconda dei parametri di giudizio che rispettano i 3 parametri base:
a) qualità dell’offerta formativa e risultati dei processi formativi;
b) qualità della ricerca scientifica;
c) qualità, efficacia ed efficienza delle sedi didattiche.

Con la penalizzazione degli atenei peggiori, il governo potrà effettuare in modo parziale il blocco del turn over, la diminuzione dei finanziamenti e la trasformazione per gradi degli atenei in fondazioni private.

Fonte:lastampa.it