Diploma Università
Home > Scuola, Scuole Medie, Scuole Superiori > Un progetto per valorizzare gli studenti più dotati

Un progetto per valorizzare gli studenti più dotati

26 settembre 2013

Tra il 3 e il 10 per cento degli alunni italiani (ovvero tra i 240 e i 900 mila) sono considerati gifted children ovvero alunni superintelligenti.
Dal prossimo anno in Veneto partirà un progetto pilota per supportare questi studenti fin dalle scuole elementari, evitando la loro “dispersione” all’interno dell’acciaccato sistema scolastico italiano.
Lo scopo del progetto è di fornire agli insegnanti un metodo di individuazione dei soggetti ad alto potenziale cognitivo e di approfondire le metodologie di insegnamento indirizzate ai ragazzi più dotati.

Già a livello europeo, in molte nazioni, è in atto un progetto simile ormai da qualche anno. Ogni paese definisce, però, secondo differenti parametri l’alunno super intelligente.
Ad esempio in Olanda e in Germania viene valutato se il QI (quoziente intellettivo) dell’alunno è superiore a 130 (dove 100 è il valore per i soggetti “normali”), mentre in Francia se lo studente è in grado di ottenere risultati solitamente adatti a bambini di almeno 2, 3 o 4 anni più grandi.

FONTE: Repubblica.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT