Diploma Università
Home > Corpo Docenti, Generale, Scuola, eventi > L’insegnante migliore al mondo lavora in un campo profughi. L’annuncio di Papa Francesco in un video

L’insegnante migliore al mondo lavora in un campo profughi. L’annuncio di Papa Francesco in un video

18 maggio 2016

La giuria dei premi nobel ha assegnato ad un insegnante palestinese il premio di miglior insegnante per il 2016.
La cerimonia si è svolta a Dubai, e a consegnare il premio è stato un noto attore, figlio di una maestra d’asilo.
Papa Francesco ha annunciato il vincitore tramite un video, facendo anche gli auguri all’insegnante, ricordando il diritto dei bambini ad un precorso di crescita e maturazione all’insegna della serenità e dell’utilizzo del gioco come strumento di insegnamento.
L’insegnante è una maestra che lavora nelle scuole dei campi profughi, il suo metodo di lavoro è nato dalla sua drammatica esperienza personale: a causa del trauma vissuto dai suoi bambini in seguito al ferimento del marito da parte dei soldati israeliani, ha sviluppato per loro un metodo di insegnamento particolare, basato sul gioco, la fiducia, la collaborazione e il rispetto, che ha poi utilizzato con buoni risultati nel suo ruolo di docente.
Tra i finalisti ci sono professori di ogni continente e cultura: un’insegnante afgana che lavora nei campi profughi pachistani, professori di economia che sviluppano con i ragazzi progetti per aiutare chi vive negli slum del Kenya, altri che insegnano la matematica tramite giochi e video, o la letteratura tramite musica moderna, o che hanno lavorato in situazioni drammatiche come i quartieri a luci rosse.
Tutti loro sono convinti che la cultura e l’educazione sono gli strumenti per ottenere i cambiamenti sociali.
Il ministro dell’istruzione italiano ha colto l’occasione per annunciare che ci sarà un premio simile anche per i migliori insegnanti italiani, in questo caso però il premio sarà erogato allo scopo di finanziare progetti per tutta la scuola di cui l’insegnate fa parte, nell’ottica di riconoscere e premiare il lavoro di squadra, non solo il singolo docente.
Anche altri paesi istituiranno premi simili a livello nazionale.

Fonte: repubblica.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT