Diploma Università
Home > Corpo Docenti, Generale, Scuola, Scuole Superiori, Tecnologia e Scuola, Università > Minecraft, videogame, corsi online e Google Maps: 4 storie d’insegnanti a tutto tech

Minecraft, videogame, corsi online e Google Maps: 4 storie d’insegnanti a tutto tech

4 maggio 2016

Parliamo di insegnanti, a livello internazionale, che propongono metodi di insegnamento particolarmente moderni, che fanno uso delle ultime tecnologie disponibili per far sì che gli studenti siano stimolati e si sentano maggiormente coinvolti nelle lezioni.
L’idea è di sfruttare ogni aspetto dell’informatica, anche quelli più controversi, per insegnare meglio, compresi ad esempio i videogiochi.
Per esempio si possono proporre giochi con regole e meccaniche tali che, giocandoli, gli studenti apprendono certe discipline, anche contemporaneamente, rendendo così l’approccio automaticamente multidisciplinare.
Addirittura si può arrivare a spingere i ragazzi a sviluppare loro stessi i giochi, ovviamente sempre con la direzione e supervisione pedagogica dell’insegnante, usando questo approccio per sviluppare la creatività degli alunni, l’importanza di istituire delle regole ma anche come progettarle e definirle, e così via; alla fine si basa tutto sulla capacità dell’insegnante di sfruttare creativamente le tecnologie disponibili, secondo questi docenti dotati non ci sono dei limiti, tutto può essere utilizzato con lo scopo di insegnare. L’approccio di base da loro usato è: “come posso usare questi strumenti per fare meglio il mio lavoro di insegnante?”.
In alcuni casi la situazione cronica di mancanza di fondi, come ad esempio in certe scuole dell’america latina o simili parti del mondo che si trovano un po’ ai ‘margini’, rende il compito di questi insegnanti una vera e propria sfida, ma grazie anche a quelli che sembrano ‘paradossi’, come il fatto che nonostante la scuola sia scarsa di risorse tecnologiche gli studenti invece dispongono comunque spesso di dispositivi digitali come cellulari e internet, gli insegnanti più creativi riescono comunque a trovare metodologie che sfruttano appunto le risorse possedute dai ragazzi stessi.
Ecco allora che i compiti a casa richiedono di essere svolti per esempio con l’ausilio di strumenti come googlemaps, oppure usando strumenti di condivisione online del materiale in lavorazione, trasformando il lavoro di gruppo in una vera e propria esperienza simile alla realtà di certe attività svolte da professionisti attraverso collaborazioni a distanza mediante internet.
Secondo questi insegnanti questo modo di fare lezione aiuta anche a sviluppare negli allievi un certo senso critico, utile per imparare a considerare con più obbiettività l’affidabilità delle informazioni che si trovano così facilmente disponibili in internet, ma anche spesso non così facilmente degne di fiducia: il famoso paradosso che avere troppe informazioni può essere deleterio tanto quanto non averne abbastanza.
Ovviamente un altro aspetto che si manifesta in questi modi di fare lezione è il largo coinvolgimento attivo dei ragazzi, che si sentono quindi più parte attiva nel processo di apprendimento e quindi più stimolati.
Anche in Italia ci sono alcuni professori che arrivano a ‘capovolgere’ il metodo di insegnamento tradizionale: non spiegano più la lezione, che invece è già stata studiata a casa dagli studenti in autonomia sui testi o anche tramite altri mezzi multimediali, invece usano il tempo in cui si incontrano, non necessariamente in classe inteso come luogo fisico in cui tutti si debbano ritrovare contemporaneamente, ma eventualmente anche semplicemente come appuntamento online, per discutere con l’insegnante di ciò che hanno imparato. Un ‘curioso’ effetto di questa metodologia, che l’insegnante che la applica ha osservato, è che la modalità più ‘impersonale’ con cui ci si relaziona attraverso i mezzi a distanza, come chat e simili, rende gli studenti meno ‘timidi’ nella loro partecipazione alle discussioni, e quindi alla fine più stimolati; in pratica scompare di fatto la sindrome del timore di ‘dire stupidaggini davanti alla classe’, mentre viceversa l’insegnante nota, insieme ai ragazzi stessi, la convergenza delle conoscenze portate dai contributi dei singoli allievi alla discussione.
Questo sistema di fare lezione online rende anche più facile all’insegnante stesso, specie quando riveste anche ruoli di ricercatore di un certo livello e quindi ha spesso necessità di spostarsi di sede in sede, gestire i suoi eventuali impegni multipli; in effetti l’aula si trasforma da luogo fisso materiale e statico, che richiede la convergenza sia ‘fisica’ che ‘temporale’ dei partecipanti, in un ‘luogo virtuale’ che richiede ai partecipanti di essere in ’sincronia’ solo a livello temporale, senza la necessità pratica di ritrovarsi obbligatoriamente nello stesso luogo, come è invece il caso di un’aula tradizionale.
Infine un insegnante ha ’scoperto’ quanto può essere sfruttabile un videogioco come minecraft per fare apprendimento: trattandosi di un gioco che consente di realizzare scenari virtuali, anche di una certa complessità, a colpi di ‘mattoncini’, potremmo definirlo una sorta di ‘lego’ virtuale.
In questo modo è possibile ricreare ad esempio ambienti o paesaggi virtuali per aiutare nelle lezioni di storia o geografia, ma anche di matematica, a causa dei suoi approcci logici molto rigorosi nella gestione dei diversi tipi di mattoncini e delle loro trasformazioni, o di storia dell’arte per le possibilità creative molto versatili che possiede. O addirittura come ‘veicolo’ per ‘raggiungere’ certi ragazzi con problemi, come nell’esperienza diretta riportata dall’insegnante stesso, che è riuscito a evidenziare le abilità matematiche e logiche di un alunno con problemi autistici semplicemente osservandone il comportamento una volta indirizzato il ragazzo all’interno del mondo virtuale creato dal videogioco.

Fonte: repubblica.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT