Diploma Università
Home > Generale, Laurea, Scuola, Università > Laurearsi in fretta per lavorare prima? “Spesso non conviene”

Laurearsi in fretta per lavorare prima? “Spesso non conviene”

3 febbraio 2016

In questi tempi di crisi molti studenti universitari si chiedono se sia preferibile completare il corso di studi il più presto possibile, o se invece sia meglio cercare di ottenere un voto alto anche se questo potrebbe comportare l’allungamento del periodo di studio.
Non tutti sono d’accordo su quale sia la scelta migliore di questi tempi.
E’ vero che inserirsi prima nel mondo del lavoro può aiutare a “partire prima” nella “corsa” a procurarsi un reddito, che di questi tempi non è una cosa facile da trovare, ma d’altro canto secondo alcuni il rischio di “bruciarsi” rapidamente in un mercato così impietoso, come lo è particolarmente in tempi di crisi, è tutt’altro che remoto.
Secondo certe statistiche l’età media a cui gli studenti conseguono il titolo di laurea si sta abbassando negli ultimi anni, sembra quindi che la tendenza attuale sia di cercare di ‘uscire prima’ dal mondo scolastico, magari per poter poi ottenere rapidamente il primo impiego possibile.
Il problema è che questo ‘approccio’ non è detto che porti ad un lavoro stabile: spesso le aziende sono sempre in cerca di personale con competenze molto specifiche, di cui hanno necessità per poter inseguire il business che di questi tempi è in continua evoluzione, ma questo stesso tipo di aziende è pure altrettanto pronto a rimpiazzare le nuove leve con altre più nuove non appena cambiano le competenze necessarie a ‘cavalcare’ il business del momento.
Potrebbe quindi rivelarsi più utile, per chi si laurea, cercare piuttosto di ottenere, anche se potrebbe servire più pazienza, comunque un posto che sia consono con gli studi effettuati, in modo che le competenze acquisite con lo studio possano ottenere una valorizzazione anche a lungo termine.

Fonte: repubblica.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT