Diploma Università
Home > Generale, Scuola, Scuole Medie, Scuole Superiori, Università > Circa 800mila gli alunni stranieri nelle scuole italiane, la metà è nata nel nostro paese

Circa 800mila gli alunni stranieri nelle scuole italiane, la metà è nata nel nostro paese

6 maggio 2015

Più della metà degli studenti stranieri sono nati in Italia, e per lo più frequentano le scuole dell’infanzia.
Questi sono alcuni dei dati forniti dal ministro dell’istruzione in riferimento alle politiche di istruzione connesse all’immigrazione e all’attuazione dell’accordo di Schengen e alle attività di vigilanza dell’Europol.
In base ai dati forniti dal ministro, gli studenti stranieri corrispondono a poco meno di un decimo del totale, ma sono pochi quelli arrivati nell’ultimo anno, meno di un ventesimo.
Il rapporto del ministro evidenzia quindi che esistono diverse tipologie di studenti stranieri che richiedono quindi processi di apprendimento e di integrazione diversificati, in particolare c’è molta differenza tra coloro che provengono comunque da famiglie ormai abbastanza integrate nella cultura e società italiane, anche se non hanno una famiglia italofona, e quelli arrivati invece più di recente che stanno appena iniziando il processo di integrazione.
Si pensa quindi, attraverso i disegni di legge, di proporre classi di insegnanti specializzati.
Nelle scuole secondarie buona parte degli alunni stranieri frequentano istituti tecnici e questo sembra dare conferma al fatto che probabilmente gli stranieri incontrano difficoltà a completare gli studi di carattere teorico.
Si riscontrano però dei piccoli miglioramenti tra gli studenti della seconda generazione.
Degli studenti stranieri iscritti all’università lo scorso anno, la maggior parte si erano diplomati in Italia.
Il ministro conclude con l’impegno nella lotta all’uso della diversità della lingua come strumento di emarginazione e discriminazione, e confida che si potrà finalmente uscire da una situazione governata dalla logica dell’emergenza e applicare finalmente un modello scolastico inclusivo e integrativo.

Fonte: La Stampa

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT