Diploma Università
Home > Generale, Scuola, Scuole Superiori > Ore buche senza professori

Ore buche senza professori

3 settembre 2014

Secondo un’indagine svolta da skuola.net risulta che nelle scuole italiane quando manca un professore 8 volte su 10 la lezione salta e la classe si trova scoperta.

Circa l’80% dei ragazzi, quando manca il proprio docente, non fa lezione anche nel caso in cui presenzi un professore in supplenza. Uno studente su tre afferma che comunque durante le ore buche la classe non è soggetta ad alcun tipo di sorveglianza.

Il problema diventa più grosso nel momento in cui il professore manca per periodi lunghi come settimane o addirittura mesi. Ad esempio a settembre oltre il 40% degli studenti non ha trovato almeno un insegnante dietro la cattedra, con conseguente ritardo sul programma della materia coinvolta.
Inoltre circa il 70% degli studenti intervistati hanno sottolineato che quest’anno hanno cambiato almeno un professore in una delle materie in cui sarebbe dovuto rimaner lo stesso per la continuità didattica.

Il motivo principale per cui le classi restano scoperte è la mancanza di professori da poter utilizzare in queste ore buche dovuta sia al taglio della riforma Gelmini sia alla mancanza di fondi delle scuole che non riescono a pagare le ore extra ai docenti, per cui tali si rifiutano di coprire le ore di supplenza.

La situazione diventa pericolosa anche perché, a classe scoperta, se uno studente si fa male c’è rischio di conseguenze penali pesanti.

Una possibile soluzione sarebbe ricorrere al cosiddetto organico funzionale, mai decollato per mancanza di fondi, ove una scuola o una rete di scuola ha la possibilità di attingere a queste risorse per riempire le ore di assenza dei professori di ruolo. Purtroppo però questo resta ancora un’illusione in quanto creare questa “scorta” di professori comporta un costo troppo elevato per la scuola italiana.

FONTE: Corriere della Sera

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT