Diploma Università
Home > Generale, Tecnologia e Scuola, Università > Studenti universitari e mondo digitale? Sì ma al 50%!

Studenti universitari e mondo digitale? Sì ma al 50%!

20 agosto 2014

L’attuale generazione di studenti universitari italiani può esser considerata “di mezzo” per quanto riguarda l’utilizzo della tecnologia. Ormai tutti gli studenti son iscritti ad almeno un social network, utilizzano molto il computer e tanti possiedono uno smartphone e un ebook-reader.. nonostante questo i capitoli da studiare per preparare gli esami preferiscono stamparli su carta.

Circa il 95% degli studenti tra i 18 e i 30 anni studia principalmente utilizzando il tradizionale libro di testo e l’89% gli appunti presi a lezione.
Tanti di loro, comunque, utilizzano per completare la loro preparazione un “supporto digitale”: oltre il 78% opta per slides del professore e dispense digitali, il 68% approfondisce gli argomenti in internet, circa il 50% sfrutta gli ebook e il 45% utilizza materiali aggiuntivi messi a disposizione in rete dagli editori stessi. Sta di fatto che comunque l’81% preferisce stampare i pdf da studiare.

I motivi principali per cui l’utilizzo della carta non è ancora scomparso sono sostanzialmente due, in primo luogo gli stessi professori tante volte consigliano volumi cartacei e in secondo luogo non tutti gli studenti possiedono tablet o ebook-reader.

Nel complesso comunque risulta che i principali studenti che fanno un uso massivo delle nuove tecnologie son tutti coloro che vogliono approfondire o creare uno studio un po’ più personalizzato delle materie che devono affrontare per gli esami. Resta comunque un 13,4% di studenti che sfruttano il digitale solo per la lettura delle slides e la consultazione di siti web indicati dai docenti solo per poter superare l’esame.

Tante case editrici, a riguardo, negli ultimi anni si son subito portate avanti rendendo disponibile gran parte dei propri cataloghi in formato pdf oltre che cartaceo, integrando approfondimenti ed esercizi su cd-rom o direttamente online.

FONTE: Corriere della Sera

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT