Diploma Università
Home > Generale, Orientamento, Scuola, Scuole Medie, Scuole Superiori > Boom di iscrizioni ai licei per l’anno scolastico 2014/2015

Boom di iscrizioni ai licei per l’anno scolastico 2014/2015

30 luglio 2014

Le iscrizioni alle scuole superiori per l’anno scolastico 2014/2015, chiuse il 28 febbraio, hanno mostrato un’inversione di tendenza veramente forte rispetto agli anni passati.
Per la prima volta da molti anni a questa parte oltre il 50% degli studenti di terza media hanno deciso di continuare il loro percorso di studi al liceo.

Sicuramente questa scelta è dovuta in parte all’ampliamento dell’offerta formativa. In Italia infatti ad oggi troviamo ben 6 tipologie differenti di licei: classico, scientifico, artistico, delle scienze umane, linguistico e musicale/coreutico. Gli istituti tecnici e professionali invece continuano a perdere d’appetibilità nonostante siano stati alleggeriti con il taglio di ore riguardanti le discipline professionalizzanti.

Nel dettaglio i licei classici hanno subito un calo dal 6,1% al 6%, i licei scientifici sfiorano il 23%, grazie anche all’avvento della nuova sezione sportiva, mentre sono in continua crescita i licei linguistici, delle scienze umane e artistici.

Gli istituti tecnici, soprattutto quelli del settore economico, hanno perso circa lo 0,5% mentre son rimasti stabili quelli nel campo tecnologico. Chi ne fa più le spese sono gli istituti professionali che registrano un calo pari quasi ad un punto percentuale.

Si prospetta quindi per il futuro un’ulteriore crescita degli studenti che frequenteranno l’università e un forte calo di operai specializzati e di tecnici neo diplomati che son ancora molto richiesti dalle aziende nonostante la crisi. Le figure che mancano in Italia sono pasticceri, sarti, panettieri, falegnami, infermieri, installatori.. per un totale che si aggira intorno ai 150 mila posti disponibili.

Nell’anno scolastico 2004/2005 gli iscritti ai licei si aggiravano intorno al 42% degli studenti di terza media, mentre nel 1997/1998 erano solo il 38%.

FONTE: Repubblica.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT

  1. Nessun commento ancora...