Diploma Università
Home > Corpo Docenti, Generale, Scuola > I docenti meridionali rifiutano il posto nelle scuole del Nord.

I docenti meridionali rifiutano il posto nelle scuole del Nord.

30 settembre 2009

A disposizione ora 150 posti.

ROMA – Non c’è stata, almeno per quest’anno, “l’invasione” da parte dei presidi meridionali sulle poltrone delle scuole del Nord.
Anche se la disponibilità di posti era tanta, molti aspiranti alla dirigenza scolastica hanno preferito rimanere nel Sud Italia piuttosto che spostarsi al Nord anche a costo di rimetterci il posto da dirigente scolastico.

Il perché è legato all’anatema lanciato un pò di tempo fa dal consiglio provinciale di Vicenza contro i presidi non autoctoni.
La proposta Martini si schierava contro le commissioni che giudicavano i concorsi a preside delle regioni del Sud.
Le regioni meridionali hanno però abilitato un numero di candidati in esubero superiore al 10% dei posti disponibili, consentendo che negli anni successivi questi idonei di percorrere l’Italia verso il settentrione alla ricerca di sedi libere.

Comunque, rispetto allo scorso anno dove i posti disponibili nelle regioni settentrionali furoni quasi pienamente occupati da meridionali, quest’anno si è verificato che: in Lombardia 67 poltrone sono rimaste vuote, così come in Piemonte, Veneto e Liguria, mentre in Campania, Sicilia e Puglia sono presenti 240 idonei senza sede che avrebbero potuto chiedere una delle 150 sedi libere al Nord, ma non lo hanno fatto.

Fonte:repubblica.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT