Diploma Università
Home > Generale, Laurea, Maturità, Scuola, Scuole Superiori, Università > Nel 2012 solo il 57,7% dei diplomati si è iscritto all’università

Nel 2012 solo il 57,7% dei diplomati si è iscritto all’università

5 settembre 2013

Fattore automatico della crisi? Tasse di iscrizione agli atenei troppo alte? O forse perdita della garanzia di trovare lavoro vicino casa? I fattori son differenti ma il risultato è lo stesso: la laurea sta perdendo sempre più il “fascino” che aveva fino agli anni passati.
Come nel 1982 il 70% dei diplomati si è iscritto ad una facoltà universitaria, nel 1991 il numero era salito addirittura al 79,9%, così dal 2002 è iniziato un trend negativo che è arrivato al record più basso quest’anno con il 57,7%.

A livello europeo l’Italia è il paese con il minor numero di laureati in età compresa tra i 30 e i 34 anni, ovvero il 19,8%.
Solamente Romania e Turchia hanno un valore inferiore. In Francia si supera il 43% e in Germania il 30%.
La Commissione Europea ha fissato il raggiungimento entro il 2020 per tutti gli stati del 40%, con obiettivo differenziato per l’Italia che deve superare il 26/27%.

Tutti gli organismi internazionali che si occupano di istruzione riescono a certificare i benefici dell’aumento del livello di istruzione sul sistema sociale ed economico dei vari Paesi. Sarà una bella battaglia in quanto in Italia, negli ultimi 10 anni, si è registrata una drastica diminuzione degli investimenti nel campo dell’istruzione, dello sviluppo e della ricerca.

FONTE: Repubblica.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT