Diploma Università
Home > Generale, Scuola, Scuole Superiori > Studenti sospesi perchè protestavano per l’intervallo

Studenti sospesi perchè protestavano per l’intervallo

23 gennaio 2013

La protesta per ottenere l’intervallo di 20 minuti ha portato alla sospensione di 600 studenti al liceo scientifico “Labriola” di Napoli.

Lo scorso 17 ottobre, la preside Luisa Vettone ha deciso di ridurre da 20 a 10 minuti l’intervallo scolastico, ma gli studenti hanno comunque proseguito a trascorrere silenziosamente i 20 minuti nei giardini della scuola. Una sfida che non è piaciuta al dirigente scolastico che ha sospeso tutti gli studenti di prima e di quinta coinvolti nella vicenda.

A seguito della sospensione la preoccupazione è dilagata fra gli stessi studenti e i loro genitori preoccupati sulle ripercussioni nei risultati scolastici dei ragazzi. Non è possibile ricorrere a nessun diritto che tratti la durata o le modalità dell’intervallo perchè è il Consiglio di Istituto a stabilire la durata della ricreazione, quindi gli studenti dovrebbero attenersi a quanto riportato.

Ma c’è di più, la vicepreside dell’istituto, Eufemia Spinosa, ha affermato che la sospensione di massa non è stato “un intervento punitivo ma educativo” dettato da una questione di sicurezza, visto che in quei dieci minuti abusivi di intervallo non c’è alcuna sorveglianza sugli studenti.

FONTE skuola.net

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT