Diploma Università
Home > Generale, Scuola, Scuole Medie, Scuole Superiori, eventi > INVALSI: Resoconto sul risultato delle prove

INVALSI: Resoconto sul risultato delle prove

30 luglio 2012

Con un comunicato stampa pubblicato sul sito del Ministero dell’Istruzione, è stata resa nota la sistensi dei risultati di tutte le prove Invalsi svolte nell’ormai scorso anno scolastico 2011/2012.
Il documento, elenca con grafici e tabelle l’andamento a livello regionare del grado di Istruzione degli studenti italiani per la scuola primaria (scuola elementare), la scuola secondaria di primo grado (scuola media) e la scuola secondaria di secondo grado (scuola superiore).
Dall’analisi del risultato delle prove si è notato che esiste un particolare divario tra le regioni del Nord e quelle del Sud a sfavore di quest’ultime, e questo divario diventa sempre più accentuato negli studenti più grandi.
Infatti, per quanto riguarda i risultati delle scuole elementari che sono risultati mediamente uguali in ogni parte d’italia, si è verificato l’allargamento della forbice, in positivo per le regioni del Nord ed in negativo per quelle del Sud, per quanto riguarda gli studenti delle scuole medie e superiori, con l’eccezione di Basilicata, Puglia e Abbruzzo che hanno conseguito risultati nella media Nazionale.
Nel complesso, le prove invalsi nell’anno scolastico 2011/2012 hanno coinvolto 31.000 scuole, 141.000 classi e 2.900.000 studenti.
In linea generale, per quanto riguarda l’Italiano, gli studenti sembrano trovare più facili le domande relative ai testi narrativi, rispetto a quelle dei testi espositivi e argomentativi, in cui viene richiesto anche di interpretare dati e grafici funzionali all’esposizione dei contenuti del testo. Le domande di ricostruzione del significato globale del testo, che richiedono di integrare più informazioni e concetti, risultano invece essere più difficili. Buoni i risultati sulle domande che richiedono la corretta interpretazione di una voce di dizionario. In alcuni casi, comunque, gli studenti sembrano incerti nell’uso corretto della punteggiatura.
Le prove di matematica confermano in parte alcune tendenze che si riscontrano anche a livello internazionale, con difficoltà concentrate soprattutto in geometria, nell’ambito denominato “relazioni e funzioni” e nei processi che richiedono competenze di argomentazione. Interessanti sono i risultati, in genere positivi, conseguiti dagli studenti della secondaria di secondo grado in alcuni quesiti che vertono su competenze chiave sviluppate nel primo ciclo, ma che solitamente non sono riprese in modo esplicito durante il biennio superiore.

Fonte: www.istruzione.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT