Diploma Università
Home > Generale, Maturità, Scuole Superiori, eventi > Il “quizzone” divide gli studenti. Maturità, da lunedì via agli orali

Il “quizzone” divide gli studenti. Maturità, da lunedì via agli orali

2 luglio 2012

I quasi 500 mila maturandi si sono dovuti cimentare con il test multidisciplinare, in cui domande e materie non sono uguali per tutti come per le prime due prove, ma diverse da scuola a scuola, anzi da commissione a commissione: sono i commissari che scelgono non solo le materie in cui i ragazzi dovranno dimostrare la loro preparazione, ma anche le domande e le modalità di svolgimento della prova.
Infatti, possono essere a risposta singola o multipla e possono riguardare soluzione di problemi, di casi pratici o professionali, sviluppo di progetti o semplici domande sul programma di alcune materie dell’ultimo anno.
Per molti di gran lunga la prova più difficile, perchè teoricamente al buio. Stando a un sondaggio di Studenti.it che nei giorni scorsi ha lanciato un’inchiesta on line sul grado di difficoltà della terza prova percepita dai ragazzi, cui hanno partecipato in 1.036, per il 64% di loro la terza prova è lo scoglio più duro da superare. Per il 17% è difficile come le altre, per il 9% un po’ più difficile perché ci si è allenati durante l’anno, mentre solo per il restante 8% è molto più facile perché i professori hanno anticipato gli argomenti.
A testimonianza della variabilità della difficoltà del Quizzone, ci sono i differenti commenti rilasciati dai ragazzi all’uscita oggi dalle aule: “È stata la prova più difficile dell’esame di maturità”, secondo gli studenti napoletani. “Ci siamo esercitati durante l’anno”, racconta un gruppo di studenti del Liceo classico ‘Sannazaro’. Per loro “storia, fisica, geografia astronomica, letteratura latina e filosofia” le materie scelte dai docenti. Non la pensano allo stesso modo al Liceo ginnasio statale Virgilio di Roma, dove hanno dovuto affrontare domande di filosofia, matematica e a scelta inglese o spagnolo: “È stata la prova più semplice delle tre che abbiamo fatto finora, anche se pensavamo che fosse la più difficile visto che poteva trattare qualsiasi materia” hanno detto alcuni maturandi. E ancora all’uscita dal Liceo Ginnasio Franchetti di Corso del Popolo a Mestre, un ragazzo racconta: “Non è stato troppo difficile, avevo studiato, come tuttì”, riconoscendo però che “è una delle prove in cui bisogna studiare e basta”.

Fonte: Repubblica.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT