Diploma Università
Home > Generale, Laurea, Maturità, Scuola, Scuole Medie, Scuole Superiori, Università > Memorizzare 200 pagine in 50 minuti!!!

Memorizzare 200 pagine in 50 minuti!!!

20 luglio 2012

Qual’è il problema più comune a tutti gli studenti frequentanti scuole medie, superiori e università? Memorizzare le tantissime pagine da studiare in poco tempo a disposizione.
Il segreto è usare tecniche che permettono di tenere ordinate le conoscenze all’ interno della nostra mente; infatti è il disordine che provoca dimenticanze e ricordi incompleti.

Il fondamento di tutte le tecniche riguarda il “catalogare le idee”: il nostro cervello immagazzina milioni di dati e quando ci sfugge quello che stiamo cercando è perché il dato non è nel posto giusto e noi non riusciamo più a trovarlo, ma in realtà c’è.

Ecco i passi per la miglior tecnica di memorizzazione:

  • tagga i concetti: nel mondo di internet come si fa a reperire un’immagine che qualcuno cerca? Viene “taggata” quando è inserita in un sito, ovvero gli vengono associate delle parole chiave (dette “key words”) che una volta digitate dall’utente intento a cercala, tale immagine può essere trovata fra le milioni presenti in tutto il mondo.

La stessa cosa bisogna farla con le nozioni che si vuole memorizzare, in questo modo:

1)  taggare le origini del concetto: se stiamo parlando ad esempio di un esame universitario, l’origine sarà il nome della materia d’esame.

2)  trovare le key words: cerchiamo tutte le parole da associare ad ogni capitolo, per esempio:

esame di informatica generale;

tag completo: computer/pc, notebook, internet, ecc…

tag per capitolo: computer/pc = cpu, ram, memoria di massa, scheda video, ecc..

3)  associare con frasi semplici e anche banali i tag completi a quelli per capitolo, ad esempio:

il computer è una scatola intelligente, ha una sorta di calcolatrice che si chiama cpu e svolge le operazioni, il suo cervello è la ram dove sono messi i numeri con cui sta facendo i conti, per non perdere i dati li mette nella memoria di massa e, grazie alla scheda video, posso vederli io quando voglio attraverso uno schermo.

4)  ogni concetto associarlo ad un’immagine: nella frase inventate in precedenza, associamo ad ogni concetto un’immagine comune, ad esempio:
cpu= immagine della calcolatrice, ram=immagine del cervello, e cosi via.
Sembra banale, ma associare un’immagine stimola la memoria emotiva che è un aiuto per ricordarsi le cose in maniera estremamente veloce.

  • Credere in se stessi: convincersi che possiamo ricordare una cosa rafforza la propria capacità mnemonica, questo passo avviene solo se corrediamo la nostra volontà di memorizzare con un forte desiderio di ricordarselo.
  • Salvare nella mente per ricordarsi anche a distanza di anni:

1)  ogni mezz’ora di studio, fate un elenco dei punti salienti fino ad ora studiati e ripassateli per 5 minuti;

2)  prima di andare a letto ripassate velocemente l’elenco delle cose studiate;

3)  il giorno dopo e poi a distanza di 3-4 giorni ripassate, in maniera esaustiva, tutto quello che vi ricordate a proposito di quanto studiato.

Il Cervello è come un muscolo, più lo si usa e lo si tiene allenato e meglio risponde al momento del bisogno.

FONTE: Studenti.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT