Diploma Università
Home > Generale, Scuola, eventi > Italia, la dislessia è troppo diffusa per essere vera

Italia, la dislessia è troppo diffusa per essere vera

26 marzo 2012

L’allarme è stato lanciato dall’Istituto di Ortofonologia (Ido) di Roma in una indagine intitolata “La scuola dell’obbligo ed i disturbi specifici dell’apprendimento”.
Dai dati rilevati pare che nelle scuole elementari viene diagnosticato come difficoltà nell’apprendimento la dislessia a circa il 18-20% dei bambini. Questo dato dagli esperti dell’Ido è ritenuto gonfiato e non può rispecchiare la realtà. Si ipotizza che tra tutti i bambini ritenuti dislessici, solamente un 3% lo sarebbe veramente.

La dislessia è una sindrome che si manifesta con la difficoltà di imparare la lettura, la scrittura o il calcolo in tempi normali e con i normali metodi d’insegnamento adottati.
Il vero problema, più che il disturbo d’apprendimento, sembrano essere invece i nuovi ritmi che i bambini subiscono non solo nella scuola ma anche nella vita. In un’intervista, il direttore della Ido Federico Bianchi di Castelbianco ci spiega che: “Se prima i bambini avevano due anni di tempo per imparare a scrivere e a leggere, ora ci si aspetta che facciano tutto in tre mesi. I tempi di apprendimento si sono abbreviati e questo li può portare a sentirsi inadeguati di fronte alle pretese degli adulti. L’errore è quello di considerare i bambini più intelligenti di quelli di 20 anni fa solo perché gli stimoli della modernità hanno fatto in modo che abbiano intuizioni intellettive più alte”.

Fonte: LaStampa.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT