Diploma Università
Home > Generale, Maturità, Scuola, Scuole Superiori, Università > Mappe concettuali, cosa sono e a che cosa ci servono

Mappe concettuali, cosa sono e a che cosa ci servono

18 aprile 2012

Le mappe concettuali sono un ottimo supporto per lo studio, soprattutto in occasione della preparazione di tesine per la maturità e degli esami universitari.
Cosa è di preciso una mappa concettuale? Di fatto è il riassunto svolto utilizzando diagrammi di flusso delle argomentazioni studiate in una determinata materia, avendo lo scopo principale di far richiamare alla memoria nello specifico un argomento didattico e di dargli una posizione all’interno del programma di studio.
Grazie a questo metodo, lo studente è in grado di avere una panoramica generale della materia organizzata ed ordinata, ottima base per svolgere correlazioni tra i vari argomenti presenti.
E’ possibile svolgere mappe concettuali per qualsiasi materia ed argomento, le uniche differenze possono venire secondo la metodologia utilizzata per l’ordinamento delle informazioni, differente dal tipo di materia. Ad esempio, è intuitivo ordinate in ordine cronologico argomenti storici, altrimenti da macroconcetti a una ramificazione di microconcetti più specifici, come nel diritto, oppure anche per sequenza come nelle materie matematiche e tecniche. E’ importante tenere bene a mente che per essere efficace la mappa concettuale deve essere sintetica. Essa non deve agire come un riassunto, ma proprio come una sintesi, ricordandosi soprattutto che è un metodo che aiuta lo studio e non è una scappatoia per leggere pochi riquadri al posto del contenuto dei libri di testo.

Fonte: Studenti.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT