Diploma Università
Home > Generale, Scuola, Scuole Medie, Scuole Superiori, Università > Scuola italiana, scuola di copioni

Scuola italiana, scuola di copioni

17 marzo 2011

Il sociologo Marcello Dei, per il suo libro “Ragazzi, si copia”, ha realizzato dettagliate ricerche sull’arte del copiare a scuola. Dai dati raccolti è riuscito a stilare una classifica delle scuole più copione: in testa troviamo l’istiuto tecnico agrario con il 45,1 % e all’ultimo posto abbiamo il liceo classico con l’11,1 %. In totale comunque il 69,2 % dei ragazzi e il 59,8 % delle ragazze hanno ammesso di copiare, se non sempre, qualche volta. Si è inoltre notato che chi ha la media dell’8 copia solamente nel 6,4 % dei casi mentre chi ha una media del 6 lo fa una volta su due.

Per quanto riguarda l’atteggiamento degli studenti sei su dieci restano indifferenti, 1 su 4 risulta invece molto soddisfatto del gesto di furbizia compiuto; la gioia che riempie gli studenti is aggira nel 38,5 % dei casi e supera di un soffio il senso di colpa di chi si fa un esame di coscienza con il 37,1 %. Per quanto riguarda i professori solo il 24,1 % sostiene che questo gesto sia assolutamente da condannare, mentre il compagno che suggerisce viene perdonato nel 77 % dei casi.

Molti studiosi sostengono che il copiare non sia un fattore così negativo e da condannare. In matematica, ad esempio, se uno copia una formula la deve saper anche applicare, mentre per quanto riguarda le produzioni scritte su temi scientifici e letterari sarebbe anche giusto aver a disposizione una documentazione per poter argomentrare il proprio tema.

Questa mentalità, però, non è assolutamente vista di buon occhio dagli americani che spingono gli studenti già in tenera età a non copiare dagli altri perchè  la cosa metterebbe in dubbio le capacità di loro stessi, e ciò va contro l’ideale individualista degli Usa.

Fonte La Repubblica.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT