Diploma Università
Home > Generale, Maturità, Scuole Medie, Scuole Superiori > Nuove regole sulle assenze a scuola

Nuove regole sulle assenze a scuola

15 novembre 2010

Le nuove norme del ministero lasciano aperti alcuni dubbi
Con troppe assenze, oltre un quarto del monte ore di lezioni, scatterà automaticamente la bocciatura, anche per gli studenti delle scuole superiori.
Il problema è che le circolari ministeriali non mettono bene in chiaro quali assenze possono essere escluse dal conteggio, e quali sono i criteri esatti da applicare.
Per esempio, la circolare sancisce che gli studenti praticanti di sport invernali possono ricevere delle deroghe, ma lascia ai singoli organi collegiali delle istituzioni scolastiche la decisione di applicarle e in che misura: in altre parole tali studenti, se supportati dal collegio scolastico, potranno fare tutte le assenze che vorranno, in barba ad ogni regolamento.
Un altro caso sono eventuali studenti costretti a casa per lungo tempo per ragioni di salute: una circolare esplicativa ha chiarito che se tali studenti parteciperanno a momenti formativi sulla base di appositi programmi di apprendimento personalizzati, predisposti dalla scuola di appartenenza, o che seguono per periodi temporalmente rilevanti attività didattiche funzionanti in ospedale o in luoghi di cura, in questo caso non saranno conteggiate le loro assenze. Ma cosa succederà a coloro che devono obbligatoriamente passare la convalescenza a casa?
Infine resta il dubbio riguardo ad eventuali studenti ‘furbi’ che faranno gli ‘assenteisti’ solo per un piccolo numero di materie. Tecnicamente resteranno al di sotto del limite tracciato per incorrere nella bocciatura automatica, ma in pratica avranno probabilmente completamente compromesso la loro preparazione in tali materie, facendola franca.
Tirando le somme sembra comunque che queste nuove norme, all’atto pratico, non saranno un vero ‘pugno di ferro’ contro gli assenteisti, considerato che comunque lasciano abbastanza margine ai collegi dei docenti per imporre deroghe e altri aggiustamenti basati caso per caso.

Fonte: La repubblica

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT