Diploma Università
Home > Generale, Tecnologia e Scuola, Università > Ad Oxford nasce la scuola per imparare a governare

Ad Oxford nasce la scuola per imparare a governare

24 settembre 2010
New College Oxford
Image via Wikipedia

La scuola insegnerà a laureati di tutto il mondo le competenze e le responsabilità di governo.

L’università di Oxford ha annunciato la nascità della “Blavatnik school”, dal nome del filantopro americano che ha donato 75 milioni di sterline per finanziare il progetto, una scuola che formerà laureati di tutti il mondo sulle competenze e sulle responsabilità di governo.

Agli studenti verrà insegnato come far fronte a crisi complesse, come l’influenza suina o la BSE (Morbo di mucca pazza) che richiedono conoscenze di aree specialistiche sia dal punto di vista scentifico che da quello legale, oltre che a conoscenze pratiche, come gestire i bilanci.

Il corso comprenderà varie discipline: umanistiche, scienze sociali, diritto, scienza e tecnologia, salute, finanza, energia e politiche di sicurezza.

Il professor Andrew Hamilton,  vice-cancelliere dell’università, ha descritto la scuola come “una pietra miliare nella storia di Oxford.”

In una dichiarazione, ha detto: “‘darà ai leader di domani il meglio dei tradizionali punti di forza di Oxford, insieme a nuove modalità e pratiche di comprensione per affrontare le sfide di  governo. L’università ha educato 26 primi ministri britannici e più di 30 altri leader mondiali, ma fino ad oggi le maggiori scuole internazionali di governo sono tutte al di fuori dell’Europa, soprattutto negli Stati Uniti. L’istituzione della Scuola Blavatnik di governo a Oxford servirà a correggere tale squilibrio. “

In un messaggio video Bill Clinton (che è stato studente a Oxford) ha dichiarato: “”La reputazione di Oxford come una potenza internazionale nel campo della ricerca aiuteranno gli studenti e la comunità globale a capire meglio non solo la politica e l’economia, ma anche la salute pubblica, le scienze ambientali, lo sviluppo, la genetica, le scienze umane.”

Fonte: The guardian

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT