Diploma Università
Home > Corpo Docenti, Generale, Scuola > Saranno 10mila i presidi che potranno godere del rinnovo

Saranno 10mila i presidi che potranno godere del rinnovo

1 giugno 2010

Firmato da sindacati ed amministrazione pubblica il contratto dopo 53 mesi di attesa

ROMA – Dopo circa 53 mesi di attesa, i sindacati e l’amministrazione pubblica hanno siglato il rinnovo del contratto per 10mila dirigenti scolastici di tutta Italia. L’accordo è stato sottoscritto presso l’Aran, da parte di sindacati di categoria Anp Cida, Cisl Scuola, Flc Cgil, Snals Confsal e Uil Scuola e riguarda il quadriennio normativo 2006/2009 e i bienni economici 2006/2007 e 2008/2009.

Il rinnovo prevede un aumento medio complessivo mensile della retribuzione di circa 370 euro lordi: gli aumenti sono stati concentrati maggiormente sulla parte fissa, mentre sulla retribuzione di risultato finiranno somme minimali.
Al primo biennio economico verranno corrisposti 215 euro mensili, mentre sul secondo biennio si assisterà ad un incremento di quasi 150 euro. Una volta entrato a regime il contratto, lo stipendio prevede un incremento di poco di circa 200 euro mensili.
Definita poi la parte degli arretrati: gli aumenti retributivi che corrispondono ai due bienni economici comportano la corresponsione di un arretrato complessivo pari a 8.300 euro lordi per il quadriennio 2006-2009. Una cifra che corrisponde in media a 5-6 mila euro netti.

Dai sindacati arrivano i commenti all’accordo moderatamente positivi. Ora, per la definitiva sottoscrizione sarà necessario sottoporre il testo alla valutazione ed all’approvazione dei dirigenti scolastici.

La firma del contratto dei dirigenti scolastici è una notizia positiva per la scuola. La chiusura di questa complessa trattativa consentirà finalmente il rinnovo contrattuale per diecimila dirigenti scolastici, riferisce la Gelmini, la quale prosegue dicendo che una quota consistente delle risorse infatti verrà assegnata sulla base di criteri legati esclusivamente al merito e agli obiettivi raggiunti da ciascun dirigente.

Fonte: La Stampa

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT