Diploma Università
Home > Generale, Scuola, Scuole Medie, Scuole Superiori > Partiranno il 6 maggio le prove Invalsi

Partiranno il 6 maggio le prove Invalsi

4 maggio 2010

2 milioni gli studenti di scuole elementari e medie sottoposti al compito nazionale.

ROMA – Inizieranno il 6 Maggio nelle scuole elementari e medie le prove Invalsi, un tipo di compito in classe a livello nazionale che coinvolgerà 2 milioni di studenti. A dare il via saranno i bambini delle seconde e quinte classi della scuola primaria con la prova di italiano. La settimana successiva sarà la volta della prova di matematica.

Il 13 maggio a svolgere le prove di italiano e matematica saranno gli studenti delle prime classi della secondaria di primo grado. Le classi terze svolgeranno la prova a giugno, nell’ambito dell’esame di Stato. Quella dell’Invalsi è infatti una quarta prova obbligatoria.

Le prove saranno una sorta di compito in classe, lo stesso per tutte le scuole e serviranno per monitorare i livelli di apprendimento conseguiti dal sistema scolastico e non dai singoli studenti.
Un tipo di test nazionale che darà una misura dei risultati, e in proiezione l’andamento, del sistema di istruzione italiano nel segmento 7-14 anni.
Una macchina organizzativa che vede l’impegno delle segreterie delle scuole, dei dirigenti e dei docenti in un test diventato ora un tassello obbligatorio.

Anche in questa occasione si evidenzia troppa burocrazia. Pacchi, plichi, buste e almeno 40 pagine da organizzare e compilare per il lavoro di raccolta dati, di utilità dubbia, con la richiesta di informazioni non direttamente connesse allo svolgimento delle prove, tutto affidato agli istituti ed alle segreterie.

Ancora una volta la disponibilità, l’impegno e la professionalità dei professori chiamati a continue innovazioni non sono accompagnati dai necessari supporti e dai riconoscimenti che la Uil Scuola rivendica insistentemente. Queste le parole del segretario di Uil scuola che così facendo conferma la sburocratizzazione del sistema ed il riconoscimento del lavoro dei docenti.

Fonte: La Stampa

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT