Diploma Università
Home > Generale, Scuola, Scuole Superiori > Nelle scuole di Treviso ritorna la divisa.

Nelle scuole di Treviso ritorna la divisa.

14 aprile 2010

TREVISO – Ritorna la divisa a scuola: a Treviso sui banchi di scuola felpe azzurre per i ragazzi, rosse per le femmine, in nome dell’uguaglianza e contro griffe, ombelichi scoperti o pantaloni a vita bassa.

A Pordenone, a settembre un istituto medio si è dotato di una felpa unisex blu e delle polo bianche, proibendo abiti più o meno succinti. Si ritorna dunque al “grembiule”, una vecchia proposta avanzata da Maria Stella Gelmini nel luglio del 2008. Nel trevignano oltre 350 alunni delle due sedi di San Fior e Godega dell’Istituto comprensivo hanno optato per una felpa è azzurra con polo grigia per i maschi; mentre rossa con polo blu per le femmine. Dopo un breve periodo sperimentale la divisa è diventata regolamentare.

Il figlio dell’industriale ed il figlio dell’operaio indossano il medesimo vestito prescritto dalla scuola, riporta il documento che presenta l’iniziativa. Si eviterebbe cosi la competizione fra alunni che hanno la maglietta griffata e i compagni che portano i vestiti delle bancarelle.

Da non sottovalutare inoltre, come molte volte i ragazzi, condizionati dai modelli dei media, adottano uno stile per nulla sobrio o consono all’ambiente educativo.

Gli obiettivi principali della divisa sono di rafforzare lo spirito di appartenenza ad un gruppo e di livellare la condizione sociale degli studenti.

La divisa è ciò che da una forma di uguaglianza durante la scuola sia tra studenti sia nei confronti dei professori.

Le divise sono state acquistate con un contributo di quattromila euro della Banca della Marca e con alcuni soldi che i genitori hanno versato a inizio anno.

La scuola fornirà una felpa e una polo a ciascun studente, i necessari ricambi costano alle famiglie 12 euro per ogni felpa, da 6 a 7 euro per la polo.

Non esistono negozi convenzionati, ma è lo stesso istituto comprensivo a distribuire i vestiti.

Fonte: la stampa

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT