Diploma Università
Home > Generale, Scuola, Scuole Superiori, Tecnologia e Scuola > I dynamic book per fronteggiare il mercato dell’usato

I dynamic book per fronteggiare il mercato dell’usato

22 febbraio 2010

Con questi ebook ogni insegnante potrà adattare i libri scelti secondo le proprie esigenze

MacMillan, uno tra i primi grandi editori, ha lanciato un nuovo progetto con il quale conta di ottenere il massimo vantaggio dai libri digitali. Si tratta di libri dinamici (DynamicBooks): versioni dei tradizionali testi scolastici pronti ad essere rielaborati tenendo conto delle esigenze provenienti dagli istituti e dagli insegnanti.

Il DynamicBooks è un ebook dinamico e variabile. Il docente ha la possibilità di eliminare alcuni paragrafi, aggiungerne altri e plasmare così, secondo le sue esigenze, ciò che la casa editrice ha proposto sul mercato.
In questo modo ogni singola classe potrà contare su un testo ad hoc sul quale andrà a svilupparsi il corso, l’anno scolastico o la lezione.

Molti sono i vantaggi: come accennato in precedenza la possibilità che l’insegnante ha di plasmare il libro sulla base del proprio programma, proponendo un testo ottimizzato sulle necessità della situazione; per gli studenti il vantaggio sta nel fatto che possono contare su un testo privo di elementi inutili e tutto ciò ad un costo ridotto rispetto alla tradizionale versione cartacea.

Ma esistono vantaggi anche per l’editore: utilizzando versioni ottimizzate, digitali e “personali”, si va ad annichilire in modo completo il mercato potenziale dell’usato.

Nelle versioni cartacee dei libri vengono spesso rimesse nel flusso dell’usato togliendo ossigeno alle unità nuove provenienti dall’editore. Quest’ultimo, può dunque rinunciare a parte del prezzo in quanto può avvalersi di un mercato privo di bancarelle dell’usato e di riciclo.

Ogni DynamicBooks può anche essere stampato a prezzo maggiorato, in quanto per l’editore aumenterebbero i costi di stampa e distribuzione.

Rimane un unico problema da risolvere, ovvero la possibilità di abuso di potere sul libro da parte degli insegnati, andando a modificare specifiche teorie, aggiungendo materiale potenzialmente offensivo o introducendo convinzioni politico/religiose di nessuna utilità per la corretta formazione dello studente.

In tal caso sono due le forme di controllo previste: la prima viene rappresentata dall’editore, che controllerà le modifiche apportate a tutela degli interessi e del buon nome dell’autore originario; la seconda è rappresentata dagli studenti, dalle famiglie ed altri insegnanti, i quali monitoreranno le modifiche altrui per valutarne la bontà, l’opportunità e la regolarità.

Fonte: business.webnews.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT