Diploma Università
Home > Generale, Scuola, Scuole Medie, Scuole Superiori > E’ iniziata la riforma. Per le scuole medie le iscrizioni entro il 27 febbraio mentre i licei avranno tempo sino al 26 marzo.

E’ iniziata la riforma. Per le scuole medie le iscrizioni entro il 27 febbraio mentre i licei avranno tempo sino al 26 marzo.

25 gennaio 2010

Si attendono quindi i regolamenti definitivi, che arriveranno a giorni, e poi via alla campagna d’informazione.

ROMA – Al via la riforma della scuola superiore. Sono state emesse ad opera del ministero dell’Istruzione, le circolari con le indicazioni per le iscrizioni che riguardano l’anno scolastico 2010-2011.
Per la scuola primaria e per la secondaria di I grado le iscrizioni avranno termine entro il 27 febbraio, mentre per la scuola secondaria di II grado si svolgeranno dal 26 febbraio al 26 marzo, in modo da permettere un’adeguata informazione alle famiglie sulla riforma delle superiori.

Dal prossimo anno entrerà in vigore la riforma dei licei e dell’istruzione tecnica e professionale. Il Consiglio di Stato in definitiva ha dato un parere positivo sui regolamenti.

Dopo il parere delle varie commissioni parlamentari verrà quindi resa nota la versione definitiva dei regolamenti con i quadri orari. Solo allora il ministero procederà poi a una campagna di informazione verso le scuole e le famiglie sulle novità introdotte.

Saranno 2 i nuovi licei che verranno introdotti con la riforma: il musicale-coreutico e quello delle scienze umane. Verranno rivisti e aggiornati i vecchi licei. Dal 2010 quindi gli indirizzi saranno solo 6 con l’obiettivo di coniugare tradizione e innovazione.

Gli istituti tecnici invece si divideranno in 2 settori quello economico e tecnologico, e 11 indirizzi. Maggior studio della lingua inglese, maggior numero di ore di laboratorio, maggiore sinergia con il mondo del lavoro.

I nuovi istituti professionali verranno articolati in 2 settori, Servizi e Industria e artigianato, e 6 indirizzi. Ci saranno un maggior numero di ore di laboratorio, tirocini e ore dedicate all`alternanza scuola-lavoro, in modo da garantire una formazione immediatamente spendibile nel mondo del lavoro.

Fonte: lastampa.it

Segnala questo post:
  • Print
  • Google Bookmarks
  • del.icio.us
  • Facebook
  • LinkedIn
  • PDF
  • Twitter
  • Wikio IT