Diploma Università

Ecco le dieci università che danno accesso ad un lavoro sicuro

31 dicembre 2014
Commenti disabilitati

Il mercato del lavoro è in crisi però al mondo ci son alcune università che permettono, una volta conseguita una laurea o un master all’interno delle loro mura, un accesso diretto in questo mondo anche solo citandole in sede di colloquio di lavoro.

Di seguito i primi 10 posti della classifica QS World Universities Rankings 2014/2015 che mette a confronto tutte le università mondiali determinando ogni anno Top e Flop.

#1 University of Oxford: l’eccellenza inglese con una retta da 9mila sterline l’anno
#2 Cambridge University: seconda inglese anche lei con una retta da 9mila sterline l’anno
#3 Harvard University: l’elite americana da 60mila dollari l’anno
#4 Massachusetts Institute of Technology: posizionata a Boston per 45mila dollari l’anno
#5 Stanford University: la californiana da 62mila dollari l’anno
#6 London School of Economics and Political Science: terza inglese da 9mila sterline l’anno
#7 Imperial College London: un’altra londinese da 9mila sterline l’anno
#8 London Business School: quinta inglese nella top 10 da 6mila e 700 sterline per anno
#9 Insead: prima francese da 50mila dollari l’anno
#10 National University of Singapore: unica asiatica nella top 10, da 15 a 129mila dollari l’anno

Gran parte delle università sopraccitate, nonostante abbiano prezzi spaventosi, è possibile frequentarle comunque risparmiando qualcosa in quanto permettono di usufruire di prestiti, finanziamenti e soprattutto di borse di studio, date per vari motivi: per merito, per fascia di reddito o se si è studenti internazionali, tutte con la possibilità di coprire dal 20% al 100% della rata annuale.

La prima italiana della lista è la Bocconi di Milano che si trova al 33° posto.

Fonte: TGCOM24

Più compiti agli studenti italiani rispetto alla media

24 dicembre 2014
Commenti disabilitati

Secondo una statistica Ocse (Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico), gli studenti italiani sono i più studiosi a casa. In media ogni studente dedica 9 ore a settimana del suo tempo libero sui libri di scuola. La media Ocse è di circa 4.9 ore e le nazioni dove la mole di lavoro casalingo è più bassa sono Finlandia e Corea, con una media inferiore a 3 ore settimanali.

La particolarità di questa situazione è che proprio le due nazioni con la media più bassa vantano competenze scolastiche più elevate, prova che una maggiore mole di compiti non coincide con una migliore preparazione.

4 ore settimanali è la quantità giusta indicata dall’Ocse, sottolineando che superandola si ottiene un beneficio relativo minimo. Infatti, troppo lavoro a casa avvantaggia coloro che hanno una situazione familiare e domestica favorevole, ovvero che hanno un posto dove studiare tranquillo che gli permetta di concentrarsi al massimo rendendo fruttuoso il tempo.

Quindi nonostante i compiti siano uno strumento utile per rafforzare e migliorare la propria preparazione, dall’altro lato rischiano di aumentare le disparità socio-economiche tra i vari studenti.

Fonte: Radio24

Test di medicina 2015: Retromarcia, rimane ma si rinnova

17 dicembre 2014
Commenti disabilitati

La riforma che coinvolgerà laccesso alla facoltà di medicina, tradizionalmente a numero chiuso, ci sarà ma a partire dal 2016.

I tempi oramai strettissimi hanno fatto rimandare le modifiche strutturali al prossimo anno anche se inizialmente l’abolizione del test di ingresso per l’accesso programmato sembrava coinvolgere anche il 2015.

In realtà è lo stesso ministro dell’istruzione Giannini che afferma che vi è allo studio una prova selettiva nuova che modifichi il test così come è stato fatto finora in quanto considerato non idoneo a garantire il diritto allo studio e alla meritocrazia.

La riforma però avrà inizio nel 2016 anche per garantire la qualità del primo anno del corso di laurea di Medicina,  secondo per qualità solo alla Francia dai rank internazionali.

Fonte: Skuola.net

British Culture & Harry Potter

10 dicembre 2014
Commenti disabilitati

Il mondo di Harry Potter, oltre ad essere un racconto per ragazzi e amanti del fantasy in generale, si può ritenere un’ottima metafora della realtà.

Questi racconti possono realmente aiutare ad approfondire alcune questioni complesse che riguardano le società moderne legate alle disuguaglianza ed alle differenze di sesso, cultura e razza.

Proprio per questi motivi l’Università della California ha organizzato un vero e proprio corso estivo per gli iscritti all’ateneo e non.

Questo corso, intitolato appunto “British Culture & Harry Potter”, prevede inoltre numerose escursioni in Scozia e Inghilterra con varie tappe nei luoghi in cui son state girate le varie scene dei film della saga.

In tre punti il corso si prefigge di:

  • Esplorare e sperimentare il mondo di Harry Potter attraverso viaggi nei punti di interesse storico-culturali dell’Inghilterra e della Scozia che hanno ispirato la serie;
  • Identificare e scoprire somiglianze e differenze tra i racconti e i film e in che modo son stati ispirati dai punti di interesse culturali della Gran Bretagna;
  • Sviluppare un pensiero critico riguardo le questioni sociali più complesse in merito alla disuguaglianza, alla razza e al sesso nel contesto della Gran Bretagna contemporanea.

Le escursioni previste da questo corso universitario sono varie come:

  • Londra compresi i punti riguardanti le storie di Harry Potter come la metropolitana di Westminster, la Casa del Parlamento, Scotland Yard, la stazione di King’s Cross e molti altri;
  • Studio della Warner Brothers dov’è stato girato il film;
  • Il villaggio di Lacock, ancora pavimentato con ciottoli, dove son state girate le scene di Lily, la casa di James Potter, la casa del professor Slughorn e la classe del professor Snape;
  • La cattedrale di Gloucester dove son state girate le scene della scuola di Hogwarts;
  • La strada suburbana Ticket Post Close, location della casa di Dursleys;
  • L’università di Oxford;
  • La stazione ferroviaria di Goathland;
  • La cattedrale di Durham;
  • Il castello di Alnwick, dove è possibile seguire una vera lezione di volo con la scopa!
  • Tour di Edinburgo in Scozia, la città nativa di J.K. Rowling, il Royal Mile, l’Elephant Café, l’Hotel Balmoral, il castello, il museo scozzese e molto altro!
  • Tour delle coste ovest scozzesi, le Highlands, dove son state girate le scene della capanna di Haghrid, gli esterni della scuola di Hogwarts e il lago dove Harry vede Patronus;
  • Viaggiare sul treno a vapore Jacobite da Fort William a Mailaig.

Fonte: Studenti.it

t>