Diploma Università

Un defibrillatore nella scuola primaria di Castelfranco – Arezzo

28 novembre 2013
Commenti disabilitati

Grazie alla collaborazione tra il comune di Castelfranco e le imprese del territorio, Grotti Marmi e Power One, che si sono addossati i costi per l’acquisto delle attrezzature sanitarie e per i corsi di formazione rivolti al personale comunale e scolastico sul loro utilizzo, in data 8 ottobre 2013 è stato consegnato, alla presenza del 118, un defibrillatore alla scuola primaria di Castelfranco.
Ora sia la scuola primaria che la secondaria sono fornite di questo importante strumento salvavita, risultando quindi più sicure.
Il sindaco Rita Papi, durante il corso di formazione tenutosi nello stesso pomeriggio, ha ringraziato le aziende partecipanti, per il sostegno economico, il Consorzio Etrusco di Arezzo, per i corsi di formazione del personale, e tutti i partecipanti all’iniziativa per la loro disponibilità e sensibilizzazione verso il problema augurando comunque “di non aver mai bisogno di usare questi strumenti” e sottolineando che “le statistiche dimostrano sempre di più quanto sia necessaria una presenza diffusa dei defibrillatori” motivo per cui si è deciso di “mettere in sicurezza le nostre scuole e i nostri ragazzi” con queste attrezzature.

FONTE: arezzonotizie

50° per la Scuola Acconciatori Confartigianato di Brescia

21 novembre 2013
Commenti disabilitati

Nata nel 1963, la Scuola Acconciatori è stata frequentata da migliaia di giovani allievi divenuti, prima, validi “ragazzi di bottega” e, in seguito, artigiani acconciatori, merito del periodo di apprendistato al fianco di capaci maestri acconciatori.
Dal 1964 è stato istituito il Trofeo “Vittoria Alata”, un evento che ha preso sempre più piede negli anni divenendo uno dei più importanti nel mondo dell’acconciatura maschile, femminile, bresciana e non.

Lunedì 7 ottobre la Scuola Acconciatori ha dato il via al nuovo anno scolastico 2013/2014. Il corso ha una durata di 400 ore con esame finale indispensabile per l’accreditamento per accedere all’attività di parrucchiere.
La qualifica servirà agli studenti per intraprendere il loro percorso nel mondo delle acconciature dove potranno aprire il loro salone.

Durante la cerimonia d’apertura erano presenti tutti gli insegnanti e tutti gli studenti a cui sono stati consegnati i diplomi dell’anno scolastico passato.

La Scuola Acconciatori Confartigianato è l’unico istituto a Brescia, ed uno dei pochi in Lombardia, ad essere completamente organizzato all’interno di un’associazione di categoria, permettendo una maggiore discrezione nella formazione, come ad esempio l’introduzione di materie legate al benessere, utili per rendere gli studenti sempre più competitivi nel mondo del lavoro.

FONTE: ecodellevalli

Le dieci Università migliori al mondo

14 novembre 2013
Commenti disabilitati

Anche quest’anno il Times Higher Education pubblica il World University Rankings per l’anno accademico 2013-2014.
Le cinque aree di ricerca su cui si basa la classifica sono: prospettive di impiego, didattica, pubblicazioni, ricerca e scenario internazionale.

Come per l’anno scorso a vincere sono le università anglosassoni, in particolare la top ten registra 7 università americane e 3 inglesi:

  • California Institute of Technology (USA): fondato nel 1891 registra 997 iscritti. È un’università molto costosa, vanta una retta annuale di ben 41mila dollari, e molto selettiva, in media solamente l’11% delle domande di iscrizione vengono accettate;
  • Harvard University (USA): l’università di Cambridge, nel Massachusetts, conta 21mila studenti e una retta di 40mila dollari l’anno;
  • University of Oxford (UK): fondata nel 13° secolo conta 12mila studenti, 38 college e 6 residenze private. Da questa università sono passati 26 primi ministri inglesi, 30 leader internazionali, 12 santi e 20 arcivescovi di Canterbury;
  • Stanford University (USA): è la terza università al mondo più ricca e accetta, in media, il 7% delle richieste di ammissione. Google e Hp sono state fondate da alunni di quest’ateneo;
  • Massachusetts Institute of Technology (USA): fondata da 150 anni, ha laureato oltre 70 premi Nobel ed è leader nel campo delle pubblicazioni. La rata annua si aggira intorno ai 27mila dollari e il 62,6% delle richieste viene accettato;
  • Princeton University (USA): fondata nel 1746 conta 7.500 studenti e 1.100 professori e ha dato i natali a 30 premi Nobel;
  • University of Cambridge (UK): fondata nel 1209 conta 18.300 studenti e vanta, in particolare, due allievi: Newton e Darwin;
  • University of California, Berkeley (USA): dall’ateneo sono usciti 20 premi Nobel e oggi si contano 20mila studenti;
  • University of Chicago (USA): fondata nel 1890 vanta gli insegnamenti di Milton Friedman;
  • Imperial College London (UK): fondato solo nel 1907, offre le facoltà di Medicina, Scienze Naturali, Ingegneria ed Economia.

Altre università internazionali degne di nota sono quelle asiatiche: la University of Tokyo al 23° posto, la National University of Singapore al 26° posto, la University of Hong Kong al 43°, la South Korea’s Seoul National University al 44°, le cinesi Peking University e Tsinghua University rispettivamente al 45° e al 50° posto.

Per quanto riguarda l’Italia, troviamo soltanto 15 università tra il 200° e il 400° posto:

  • 221° posto, prima tra le italiane, troviamo l’Università di Trento;
  • 235° posto l’Università Milano-Bicocca;
  • 245° posto l’Università di Trieste;
  • 247° posto l’Università di Torino;
  • 270° posto l’Università di Pavia;
  • 278° posto l’Università di Bologna;
  • 289° posto l’Università di Milano;
  • 292° posto il Politecnico di Milano;
  • 333° posto l’Università di Padova;
  • 334° posto l’Università di Pisa;
  • 335° posto l’Università del Salento;
  • 336° posto La Sapienza di Roma;
  • 351° posto l’Università di Bari;
  • 357° posto l’Università di Ferrara;
  • 358° posto l’Università di Firenze.

FONTE: Panorama e ilfattoquotidiano

Negli Stati Uniti picco di vendite degli zaini antiproiettile

7 novembre 2013
Commenti disabilitati

Negli Stati Uniti le aziende che producono zaini anti proiettile hanno registrato un considerevole aumento delle vendite pari al 500%, business iniziato in seguito alla strage, avvenuta nel 1999 in Colorado. Da allora negli Usa sono presenti dodici industrie che producono questi zaini, ma mai come ora il picco di vendite era stato così alto. Gli zaini possono essere utilizzati come scudi e costano tra i 200 e i 300 dollari; apparentemente sembrano degli zaini normali tant’è che alcuni raffigurano personaggi Disney. Inoltre dopo la strage del Connecticut alcuni rivenditori di armi stanno facendo degli sconti agli insegnanti che acquistano pistole, generalmente del 10%.

FONTE: studenti.it

t>