Diploma Università

Nuovo sito informativo Grandi Scuole

25 aprile 2013
Commenti disabilitati

Con l’avvicinarsi dell’esame di maturità nasce un nuovo sito informativo: http://www.grandiscuole.net

Sul sito segnalato sono a disposizione informazioni specifiche sulle lezioni private, le ripetizioni, il diploma e gli esami da privatista oltre agli altri servizi forniti dalla scuola privata Grandi Scuole.

Universitari disoccupati e richieste di assunzioni da Mc Donald’s

18 aprile 2013
Commenti disabilitati

Record di disoccupati in Italia, lo scorso novembre 2012 raggiunto il 37% di giovani tra i 15 ed i 24 anni senza un lavoro. In un momento difficile, specie per i giovani alla disperata ricerca di un’occupazione, la Mc Donald’s fa girare la sua campagna in cui sponsorizza l’offerta di circa 3000 posti di lavoro. Insomma, un sogno per i giovani, ma i sindacati, capeggiati dalla Cgil, hanno polemizzato sulla facilità di essere tratti in inganno dalle pubblicità della Mc Donald’s che offrirebbe solo lavoro precario e sottopagato.

Ma se i giovani non trovano lavoro, al contrario aumentano i lavoratori anziani ancora occupati. Infatti, stando ai dati Istat, oltre 3 milioni di over 55 sono conservano ancora il loro posto di lavoro bloccando il turn over che permetterebbe ai nuovi lavoratori i subentrare al loro posto. A causare il momentaneo stagnamento dei posti di lavoro, da un lato la riforma delle pensioni che ha obbligato gli over 50 a restare sul posto di lavoro più a lungo, e dall’altro la riorganizzazione delle politiche di sussidio in caso di difficoltà o di fuori uscita del personale più anziano.

FONTE: skuola.net

In calo i giovani che svolgono l’esame di stato per diventare liberi professionisti

11 aprile 2013
Commenti disabilitati

Architetti, Ingegneri, notai, queste le professioni che hanno perso appetibilità per i neolaureati che non sostengono più l’esame di Stato necessario ad ottenerne l’abilitazione, in periodi di crisi è meglio essere lavoratori dipendenti.

Un calo di circa il 22% dal 2007 al 2011 delle libere professioni che non è dovuto all’aumentare della difficoltà dell’esame, ma proprio ad un numero minore di candidati che decidono di sostenerlo.

Da soli, i laureati in ingegneria che hanno deciso di svolgere l’esame di Stato per ottenere l’abilitazione, hanno subito una perdita del 15%. A quanto pare, la causa sarebbe il frazionamento dell’albo, ora ripartito in diversi settori. Adesso un laureato in ingegneria può sostenere l’esame di abilitazione solo relativo al suo settore e questo ha demotivato a sostenerlo.

Diversa è la causa che spingerebbe i laureati in architettura ad optare per un lavoro dipendente anziché puntare alla libera professione e, proprio per questo, 60.000 decidono di fare i lavoratori dipendenti per cui non è necessario svolgere l’esame di Stato. Sembra evidente che in cima alla lista delle cause della riluttanza a mettersi in proprio ci sia proprio la paura dei giovani dettata dalle grandi probabilità di insuccesso.

FONTE: skuola.net

Lavorare in campagna è il sogno dei giovani

4 aprile 2013
Commenti disabilitati

Da un’analisi Coldiretti/Swg, la tendenza riscontrata dei giovani si muove verso una nuova cultura del cibo, dell’ambiente e in generale della qualità della vita.

La metà dei giovani tra i 18 e i 34 anni preferirebbe gestire un agriturismo piuttosto che fare l’impiegato in banca preferenza che si attesta al 23 per cento, mentre lavorare in una multinazionale scende al 19 per cento degli intervistati. Un cambiamento rispetto al passato, dove la vita in campagna era considerata una vita arretrata e molto faticosa.

Una vera rivoluzione culturale che non interessa solo i giovani, poiché in generale tra tutti gli italiani il 28 per cento scambierebbe il proprio lavoro con quello dell’agricoltore.I motivi di tale scelta riguardano il condurre una vita più sana, la conquista di maggiore libertà, autonomia e per qualcuno la possibilità di guadagnare di più. Il boom di aperture dei mercati e delle botteghe degli agricoltori della Coldiretti ha creato peraltro importanti opportunità occupazionali con migliaia di nuovi posti di lavoro.

FONTE: skuola.net

t>