Diploma Università

La “tolleranza zero” non funziona con i bulli

28 settembre 2012
Commenti disabilitati

Tramite un studio svolto dalla University of Virginia pare che adottare un metodo educativo di “tolleranza zero” nei confronti dei bulli a scuola non sia una vera e propria soluzione.
O meglio, sospendere o espellere un ragazzo che compie atti di bullismo permette di avere meno bulli a scuola, ma dal lato educativo si è constatato che è in crescita anche il numero degli studenti che abbandonano il corso di studi o che cambiano a scuola.

«Nelle scuole in cui invece si valuta con maggior attenzione il comportamento dello studente invece di espellere automaticamente, c’è un ricorso a rimedi più efficaci, come il counseling con esperti e incontri con i genitori», ha spiegato Dewey Cornell, ricercatore del Virginia Youth Violence Project a capo dello studio pubblicato sulla rivista School Psychology Review.

«L’approccio migliore per risolvere il problema è quindi quello di valutare con attenzione volta per volta i casi di violenza e minacce a scuola», ha concluso lo scienziato.

Fonte: LaStampa.it

Consigli per creare un’ottima presentazione in Power Point

26 settembre 2012
Commenti disabilitati

L’utilizzo di Power Point per creare presentazioni può essere molto importante per gli studenti delle superiori, non solo in caso di ricerche o presentazioni da svolgere in un’interrogazione durante l’anno scolastico, ma può anche essere un ottimo strumento introduttivo per la tesina della maturità. L’utilizzo di Power Point può essere più semplice ed intuitivo di quanto si possa credere e potrebbe rilevarsi una soluzione indispensabile per lo studio.

Ecco alcuni consigli per creare un’efficace presentazione:

1) Una presentazione in Power Point dovrebbe dare l’impressione di essere: Ordinata, Sintetica, Sobria, Di facile lettura, Accattivanete, Pulita.

2) Le azioni più sconsigliate sono: Usare effetti strani (scritte che cadono lentamente, effetti musicali a meno che non siano strettamente necessari, ecc ecc), Usare caratteri poco leggibili, Cambiare stile da una diapositiva ad un’altra, creare diapositive con troppo testo.

3) Decidere l’impostazione del layout più utile alle vostre esigenze.

4) Scegliere uno sfondo: Tinta Unita. E’ più ordinato, ma più noioso, evitate i colori troppo accesi e nel caso vogliate integrare delle trasparenze, ricordatevi che all’aumentare della trasparenza il colore diventerà sempre più chiaro.

5) Scegliere uno sfondo: Sfumato/Immagine o Trama. Le sfumatore sono ben accette, a patto che non siano troppo forti. Utilizzo di colori sobri e non utilizzare immagini troppo complesse che potrebbero rendere difficile la lettura. Stesso discorso per le trame, sono generalmente accettate fino a quando risultino sobrie.

6) Utilizzo delle animazioni: Vengono utilizzate per decidere in che modo deve entrare in scena una diapositiva. Di solito vanno tutte bene, eccetto le animazioni di dissolvenza; le più indicate sono quelle a comparsa da sinistra o da destra.

Fonte: Studenti.it

Trento, Verbania e Prato in cima alla classifica di Ecosistema Scuola

24 settembre 2012
Commenti disabilitati

Sono usciti i risultati della ricerca annuale “Ecosistema Scuola” promossa da Lega Ambiente.
Lo scopo dell’indagine è quella di stilare una classifica delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di primo grado sulla qualità delle strutture e dei servizi in rapporto all’impatto ambientale che possono provocare.
Nella classifica sono presenti gli istituti dei primi 91 comuni italiani in ordine di grandezza e gli ultimi dati raccolti sono relativi all’anno 2010.

Trento conquista il podio grazie ai risultati conseguiti da parte di tutti gli edifici per il possesso dei certificati di collaudo statico, agibilità igienico-sanitaria, impianti elettrici a norma, porte antipanico e requisiti di accessibilità. Sicurezza ma anche nei servizi: il 30% degli edifici è servito da pedibus; il 74% dispone di piste ciclabili nelle aree circostanti; la raccolta differenziata viene praticata in tutte le scuole; tutte le mense scolastiche sono dotate di cucina interna e utilizzano posate riutilizzabili; nel 19% degli edifici sono installati impianti di energia rinnovabile.

Presentiamo la top-ten dei migliori comuni in Italia:

1. Trento
2. Verbania
3. Prato
4. Reggio Emilia
5. Pordenone
6. Asti
7. Parma
8. Biella
9. Piacenza
10. Terni

Fonte: Diariodelweb.it

Scuola d’Azienda, l’esperienza degli istituti brianzoli

21 settembre 2012
Commenti disabilitati

Tutto parte dal programma dell’iniziativa “YOUng FIRST”: ovvero un progetto di avvicinamento dei giovani studenti all’ultimo anno delle scuole superioi al mondo del lavoro sposorizzato da “Gi Group”.

Quest’anno sono stati coinvolti 400 studenti iscritti a nove scuole superiori della provincia di Monza e Brianza e 19 aziende delle stesse zone. Nel particolare, gli studenti hanno partecipato a delle attività di orientamento professionalizzante, seguendo il modus operandi degli stage, e una serie d’incontri allo scopo di conseguire conoscenze, competenze e capacità aziendali, in linea con le attuali richieste che il mercato del lavoro esige.

In un’intervista rilasciata dall’organizzatrice dell’evento Lara Locati, capo dell’area di monza e Brianza di Gi Group si afferma che: “Scuola d’Azienda rappresenta per i ragazzi, un’ottima opportunità per avvicinarsi al mondo del lavoro e al contempo, un’importante occasione per mettersi in luce con le aziende del territorio. Questa iniziativa, che ci auguriamo di ripetere in futuro, è la naturale evoluzione dell’intenso programma di orientamento mediante il quale, in questi anni, abbiamo formato circa 10.000 ragazzi”.

Fonte: TecnicadellaScuola.it

t>