Diploma Università

Inizia da te: Energie di Cambiamento

30 dicembre 2011
Commenti disabilitati

E’ una iniziativa promossa da Green Cross Italia Onlus, e sostenuta da Rita Levi Montalcini presidente onorario dell’organizzazione ambientalista “Immagini per la Terra” che vanta ogni anno il patrocigno delle più alte cariche dello Stato e la partecipazione di migliaia di studenti.

Giunta alla sua ventesima il concorso coinvolge gli studenti di tutte le scuole d’Italia che entro il 31 di marzo 2012 invieranno a “Immagini per la Terra” un elaborato sottoforma di: articoli, riviste, reportage, inchieste, fotografie, video, spot, brani musicali, incentrati sui temi dell’energia dell’ambiente.

Per maggiori informazioni potete consulare il bando di concorso che si trova al sito www.immagineperlaterra.it.

Fonte: Tecnichedellascuola.it

Una metafora per la ricerca: concorso per la lotta contro il cancro

28 dicembre 2011
Commenti disabilitati

LA AIRC (Associazione Italiana Ricerca sul Cancro) e l’IFOM (Istituto FIRC d’Oncologia Molecolare) hanno promosso un concorso per tutti gli studenti delle scuole superiori con il nome di “Una metafora per la ricerca”.
Il concorso consiste nella creazione di uno slogan, un’illustrazione o una fotografia con lo scopo di spiegare e sponsorizzare l’importanza fondamentale della ricerca per curare una delle più gravi malattie del nostro tempo, il cancro.
Il concorso sarà suddiviso in 3 categorie:

- Slogan
- Foto
- Illustrazione

Come premio ai primi d’ogni categoria, i vincitori avranno un viaggio ai laboratori dell’IFOM di Milano, dove trascorreranno un’intera giornata con i ricercatori seguendoli nelle loro fasi di sperimentazione all’interno dei laboratori.

Per poter partecipare al concorso è necessario inviare gli elaborati al sito http://www.scuola.airc.it entro il 31 gennaio 2012.

Fonte: Studenti.it

Addio Pagella, entro il 2013 sarà disponibile online

26 dicembre 2011
Commenti disabilitati

Con il nuovo decreto sviluppo, dal primo gennaio 2013 le pagelle e tutti i certificati scolastici dovranno essere distribuiti con strumenti digitali.

L’introduzione è stata pianificata per semplificare e migliorare le comunicazioni tra la scuola e la famiglia, riducendo inoltre drasticamente i costi e rappresenta un primo passo per digitalizzare tutte le procedure all’interno di un istituto scolastico.
Successivamente diventeranno accessibili via web: le informazioni sulla carriera dello studente, la gestione delle iscrizioni, il pagamento delle tasse scolastiche.
Importante sarà il supporto di servizi disponibili direttamente dai sistemi informativi del Ministero dell’Istruzione, seguendo l’esempio delle università che già svolgono servizi di questo tipo.

Il decreto prevede in ogni caso la possibilità di ricevere su richiesta la copia cartacea di tutti documenti elettronici.

Fonte: La Stampa.

Gite scolastiche: in forte calo nell’anno scolastico 2010/2011

23 dicembre 2011
Commenti disabilitati

L’Osservatorio sul turismo scolastico del Touring Club ha noto che negli ultimi anni si è verificato un calo dei viaggi d’istruzione nelle scuole superiori.
Secondo una stima a base nazionale lo scorso anno scolastico (2010/2011) solo il 38% delle classi ha preso parte ad una gita scolastica.

Fino a due anni fa, la media nazionale era del 60%. Il calo rappresenta un forte contraccolpo economico al mercato del turismo che dai 340 milioni d’Euro incassati per l’anno scolastico 2009/2010, per quello appena trascorso ne ha fruttati solamente 215 milioni.

Ma quali sono le principali cause di questo calo repentino? Principali lamentele arrivano dai genitori che considerano le gite scolastiche troppo care.

Mario Rusconi, vice presidente dell’Associazione Nazionale Presidi in un’intervista dichiara:
“Il motivo principale è il forte aumento dei costi. È un peccato, così si perde un’esperienza che può essere ancora formativa. Sono aumentati i prezzi della benzina, degli hotel, degli autisti. Alcune scuole creano un fondo per sovvenzionare gli studenti che non possono pagare. A volte sono anche gli insegnanti, tanto bistrattati, a dare i soldi per chi non se lo può permettere”

Fonte: Studenti.it

t>