Diploma Università

E’ ora dell’orale! Qualche consiglio per affrontarlo al meglio..

29 giugno 2011
Commenti disabilitati

Dopo la prima, la seconda e la terza prova è giunta finalmente l’ora del tanto temuto “Orale”.
Da oggi fino al prossimo 10/15 luglio, infatti, si svolgeranno i colloqui in tutte le scuole italiane.

Prima di tutto bisogna sapere che l’esame parte con l’esposizione della propria tesina. Avrete circa 10 minuti di tempo per la vostra presentazione e guadagnerete punti se la accompagnerete con delle immagini o semplicemente un filmato o una musica per valorizzare la vostra argomentazione.
In questa fase è molto importante essere chiari nell’esposizione, capaci di sintetizzare (dovrete toccare tutti gli argomenti trattati) e farsi vedere calmi e sicuri (senza assumere toni arroganti però!!).
Cercate inoltre di rendere la vostra trattazione interessante puntando maggiormente su argomenti originali e curiosi che invoglino i professori a segurivi.

Ricordate comunque che avrete 10 minuti, per questo è bene prepararsi a casa un discorso sintentico, preciso e che abbia la giusta durata temporale.

Tutti questi consigli sono validi ovviamente anche per la parte successiva all’esposizione della vostra tesina, cioè quando dovrete trattare gli argomenti richiesti dai vostri docenti.

Il trucco per far un buon orale è arrivare il giorno dell’esame tranquilli e rilassati. Per questo motivo, non vale assolutamente la pena passare la notte in bianco sfogliando e studiando libri su libri.. una buona dormita è la migliore soluzione!

Detto questo, in bocca al lupo!!!

Fonte: blogosfere.it

Laurearsi? Meglio vicino casa!

25 giugno 2011
Commenti disabilitati

Negli ultimi anni c’è stato un forte incremento di ragazzi che hanno deciso di affrontare l’università più vicina a casa (ormai sono il 51%), questo è dovuto soprattutto all’aumento dei costi che devono esser sostenuti dalle famiglie. Ciò nonostante, però, al termine degli studi chi ne ha la possibilità decide di andar a lavorare all’estero, oltre le Alpi o addirittura oltre l’Oceano. 

Dal vecchio al nuovo ordinamento c’è stato un aumento anche nella velocità del laurearsi, si è passati dai 27 a meno di 25 anni, toccando in alcuni casi a mala pena i 23 anni. Inoltre sono aumentati gli studenti che seguono le lezioni in aula, 67,8 %, e che hanno avuto un’esperienza di stage o tirocinio, 56,8%. La media di laurea invece resta stabile sul 103 su 110. 

Ci sono stati degli ulteriori miglioramenti per quanto riguarda la conoscenza dell’informatica e della lingua inglese, rispettivamente più 8% e più 13%. Un altro dato importante è che il 72 % dei neolaureati porta per la prima volta in famiglia il titolo. 

Fonte: La Repubblica

Prima Prova – Tracce UFFICIALI

22 giugno 2011
Commenti disabilitati

Ecco le tracce UFFICIALI della prima prova di maturità 2011:

TIPOLOGIA A:

Giuseppe Ungaretti con l’analisi del testo della poesia “LUCCA”

TIPOLOGIA B:

Saggio Breve: ”Amore, odio, passione” con brani di Verga, D’Annunzio e Svevo. Tra i documenti proposti agli studenti ci sono tre dipinti “Il bacio” di Klimt, “Ettore e Andromaca” di De Chirico e “Gli amanti ” di Pablo Picasso

Ambito Socio-Economico:  “Siamo quel che mangiamo?” con materiale de “la Repubblica” e di “Leonardo” e articoli dell’UNESCO

Ambito Storico-Politico:  ”Destra e sinistra”. come spunti sono state offerte frasi di Norberto Bobbio, Marcello Veneziani, Giampiero Carocci e Angelo Panebianco.

Ambito Scientifico-Tecnologico:
“Le energie che cambiano il mondo” Enrico Fermi. Tra i documenti messi a disposizione degli studenti per svolgere la prova c’è una lettera scritta da Fermi nel 1945 a Edoardo Amaldi nella quale spiega perché è andato fuori dall’Italia.

TIPOLOGIA C:

Lo storico Eric J. Hobsbawm definisce ‘Secolo Breve’ gli anni che vanno dall’esplosione della prima guerra mondiale fino al collasso dell’URSS. A suo giudizio, “la struttura del Secolo breve appare come quella di un trittico o di un ’sandwich’ storico. A un’Età della catastrofe, che va dal 1914 sino ai postumi della seconda guerra mondiale, hanno fatto seguito una trentina d’anni di straordinariacrescita economica e di trasformazione sociale, che probabilmente hanno modificato la società umana più profondamente di qualunque altro periodo di analoga brevità. Guardando indietro, quegli anni possono essere considerati come una specie di Età dell’oro, e così furono visti non appena giunsero al termine all’inizio degli anni ‘70. L’ultima parte del secolo è; stata una nuova epoca di decomposizione, di incertezza e di crisi – e addirittura, per larghe parti del mondo come l’Africa, l’ex URSS e le ex nazioni socialiste dell’Europa orientale, un’Età; di catastrofe” Il candidato valuti criticamente la periodizzazione proposta da Hobsbawm e si soffermi sugli eventi che a suo parere caratterizzano gli anni ‘70 del Novecento

TIPOLOGIA D:

Andy Warhol e la pop art: “nel futuro ognuno sarà famoso, al mondo per 15 minuti. il candidato analizzi il valore asegnato alla fama nella società odierna e rifletta sul concetto di fama proposto dall’industria televisiva o diffuso dai social media”

La maturità su iPhone

21 giugno 2011
Commenti disabilitati

Studenti.it, noto portale dedicato agli studenti di tutte le scuole, sta portando avanti nuove frontiere per portare avanti lo studio per la maturità.
Per questo è stata creata una nuova applicazione gratuita per iPhone e iPod: Maturità 2011.
Con quest’applicativo è possibile accedere ad appunti, formule, schemi, versioni sempre a disposizione utili per qualunque indirizzo di studio.

 Molti studenti, quasi il 60 %, sostiene che oltre a libri e quaderni, il telefonino con le sue applicazioni può esser molto utile per lo studio, mentre il 30 % predilige solo i libri di testo. 

Per quanto riguarda tutti gli accorgimenti per copiare durante l’esame non c’è molto scampo. Durante le prove scritte è severamente vietato portare qualunque genere di tecnologia informatica. Niente apparecchi visivi, acustici o multimediali.
Il Ministero ha predisposto circolari precise e dettagliate sull’argomento ed è stata allertata la Polizia Postale per eventuali soffiate telematiche.

Meglio rinunciare ad utilizzare la tecnologia piuttosto che perdere la maturità! 

Fonte: Corriere.it

t>