Diploma Università

Approvato al senato il ddl Gelmini sulla riforma dell’università.

30 luglio 2010
Commenti disabilitati
Il Presidente Giorgio Napolitano, nei Giardini...
Image via Wikipedia

E’ stato approvato ieri (29 luglio 2010) al senato il ddl Gelmini sulla riforma dell’università .

Il provvedimento ha ricevuto 152 voti favorevoli, 94 contrari ed un astenuto, la discussione alla camera avverrà dopo la pausa estiva.

“Voglio esprimere grande soddisfazione per l’approvazione del ddl sull’università, si tratta di un evento epocale” – ha dichiarato il ministro Mariastella Gelmini – “che rivoluziona i nostri atenei e che permette all’Italia di tornare a sperare. L’università sarà più meritocratica, trasparente, competitiva e internazionale. Il ddl segna la fine delle vecchie logiche corporative: sarà premiato solo chi se lo merita”.

In sintesi i cambiamenti principali del ddl:

Cambiano le regole per il reclutamento dei ricercatori e dei docenti universitari.

Sarà necessaria una abilitazione nazionale (con parametri stabiliti dall’Anvur Agenzia nazionale per la valutazione del sistema universitario) per poter diventare docenti ordinari od associati.

Le commissioni saranno composte da quattro professori sorteggiati da una lista di ordinari del settore disciplinare oggetto del bando.

Per i ricercatori le commissioni saranno composte da un professore associato, nominato dall’università che richiede il bando e da due professori ordinari sorteggiati da una lista di professori del settore disciplinare oggetto del bando.

Scompaiono i ricercatori a tempo indeterminato.

Viene introdotti il cosiddetto “Tenure Track”: sono previsti contratti a tempo determinato (minimo 3, massimo 5 anni) seguiti da contratti triennali (rinnovabili una sola volta), al termine dei quali se il ricercatore sarà ritenuto valido  sarà confermato a tempo indeterminato come associato.

Si abbassa, inoltre, l’età in cui si entra di ruolo da 36 a 30 anni con uno stipendio che passa da 1300 a 2000 euro.

Istituito fondo per il merito

Verrà istituito un fondo nazionale per il merito al fine di erogare borse di studio e prestiti d’onore con tassi bassissimi.

Piu autonomia per le università virtuose

Le università con i risultati accademici migliori e più attente ai bilanci potranno sperimentare una governance flessibile (d’intesa col ministero).

Limite di 12 facolta per ateneo

Potranno esserci al massimo 12 facoltà per ateneo. Sarà possibile federare università vicine per abbattere i costi.

Enhanced by Zemanta

Si estende a tutti gli istituti il “Piano Scuola Digitale”

27 luglio 2010
Commenti disabilitati
The palace of the former Scuole Arcimbolde sch...
Image via Wikipedia

Piano scuola digitale, il progetto cl@ssi 2.0  si allarga a tutti gli istituti.

Il ministero dell’Istruzione estende alle scuole statali primarie e secondarie di secondo grado l’azione cl@ssi 2.0 del Piano Scuola Digitale.
Il 6 settembre verranno pubblicati i bandi e le scuole potranno presentare le proprie candidature on-line entro lo stesso mese.
Per candidarsi le scuole dovranno preparare un documento, denominato “Idea 2.0” che descriva  l’idea di innovazione relativamente all’ ambiente di apprendimento che si intende realizzare nella classe individuata.
Il ministero ha indicato alcune linee guida per il contenuto dei progetti :

  • nuovi linguaggi, formali, non formali ed informali;
  • specifiche soluzioni hardware e software strettamente connesse e funzionali alla trasformazione dell’ambiente di apprendimento;
  • contenuti digitali e ambienti di simulazione;
  • raccordo tra  ambienti di apprendimento in presenza e a distanza;
  • centralità degli apprendimenti, nuovi saperi, sviluppo delle competenze.

Per i progetti accettati verrà corrisposto un finanziamento di € 15000 per l’acquisto di materiale tecnologico e la possibilità di seguire corsi di aggiornamento.

FONTE: MIUR

Dal 2012 va in pensione la pagella di carta

21 luglio 2010
Commenti disabilitati

Dall’anno scolastico 2012/2013 le pagelle di carta andranno in pensione.

Lo stabilisce il primo comma dell’articolo 30 del disegno di legge in materia di semplificazione dei rapporti della Pubblica Amministrazione con cittadini e imprese.  la norma prevede che la “pagella elettronica” dovrà essere resa disponibile per le famiglie “sul web o tramite posta elettronica o altra modalità digitale”.

Niente più pagella di carta quindi? Sembrerebbe di si, anche se il disegno di legge, stabilisce che: “resta comunque fermo il diritto dell’interessato di ottenere gratuitamente copia cartacea del documento redatto in forma elettronica” dunque chi lo vorrà potrà sempre richiedere la pagella di carta.

Nei prossimi due anni quindi, tutte le scuole dovranno informatizzare le procedure per attribuire i voti agli alunni e contemporaneamente dotarsi di un modo per rendere fruibile questi dati attraverso internet, garantendo la riservatezza dei dati.

Fonte : Tecnica Della Scuola

Olimpiadi Internazionali di Matematica, Italia undicesima a livello mondiale.

20 luglio 2010
Commenti disabilitati

Buona prova della selezione italiana alle Olimpiadi di Matematica, i ragazzi cinesi dominano.

Si sono appena concluse le “olimpiadi della Matematica” svoltasi ad Astana in Kazakhstan, dove l’equipe italiana si è guadagnata l’undicesimo posto globale ed il secondo posto tra le nazioni dell’ Unione Europea dietro solo alla Germania  (nona), ripetendo l’ottimo risultato del 2009. Nel complesso il sestetto guidato dal professore Roberto Dvornicich e composto da: Andrea Bianchi del liceo classico «Dante Alighieri» di Latina, Fabio Bioletto del liceo classico “C. Botta” di Ivrea, Andrea Fogari del liceo scientifico “Duca degli Abruzzi” di Gorizia, Luca Ghidelli del liceo scientifico “E. Amaldi” di Alzano Lombardo, Federico Glaudo del liceo scientifico “Righi” di Roma e Giovanni Paolini del liceo scientifico “Copernico” di Brescia ha conquistato una medaglia d’oro, tre d’argento e due di bronzo.

Luca Ghidelli (già vincitore delle olimpiadi italiane) si è aggiudicato la medaglia d’oro con un punteggio complessivo nelle sei prove di 30 punti su 42.

Ai primi tre posti si sono classificatte China, Russia e Stati uniti che da anni dominano in questo tipo di competizioni.

Le Olimpiadi Internazionali della Matematica sono la più vecchia gara internazionale di Olimpiadi Scientifiche per studenti delle scuole medie superiori, la prima gara si è svolta in Romania nel 1959. Esse prevedono sei problemi tra Geometria, Algebra, teoria dei numeri ed analisi combinatoria con punteggi da 0 a 7.

Fonte: La Stampa

t>